Non menerò il can per l’aia…

Immagine

Dal Dizionario l’Ercolano di Benedetto Varchi (1565)

«Di quelli che favellano, o piuttosto cicalano assai, si dice: egli hanno la lingua in balìa; la lingua non muore, o non si rappallozzola loro in bocca, o e’ non ne saranno rimandati per mutoli: come di quelli che stanno musorni: egli hanno lasciato la lingua a casa, o al beccajo; e’ guardano il morto; o egli hanno fatto come i colombi del Rimbussato, cioè perduto ‘l volo. D’uno che favella, favella, e favellando, favellando con lunghi circuiti di parole aggira sé, e altrui, senza venire a capo di conclusione nessuna, si dice: e’ mena ‘l can per l’aja: e talvolta, e’ dondola la mattea; e’ non sa tutta la storia intera, perché non gli fu insegnato la fine; e a questi cotali si suol dire: egli è bene spedirla, finirla, liverarla, venirne a capo, toccare una parola della fine; e, volendo che si chetino, far punto, far pausa, soprassedere, indugiare, serbare il resto a un’altra volta, non dire ogni cosa a un tratto, serbare che dire.»Non mi è mai passato per la mente di scrivere e diffondere.

Qualche giorno fa, tuttavia, qualcuno mi ha ricordato, mentre protestavo per un’evidente ingiustizia, che “non ho il potere” di fare nulla in proposito.

Così ho realizzato la più cruda delle realtà: nonostante io mi percepisca come “qualcosa”, per molti non sono niente, un’entità senza voce e senza peso, una pagliuzza trascinata dal fiume degli eventi.

Molte volte il pensiero di essere meno di un granello di polvere in questo vasto universo è stato un pensiero consolatorio; in quell’occasione l’idea di rimanere uno spettatore impotente mi ha tolto ogni residuo di serenità.

La domanda che mi pongo è: cosa può fare una pagliuzza nel vortice degli eventi per non farsi trascinare dove non vuole andare?

L’unica risposta possibile, a mio avviso, è: niente. Ma non deve farlo in silenzio.

 

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in presentazione e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...