Più se ne parla, meglio è

langone

Esiste un comandamento, non nominare il nome di Dio invano, che condanna chi pronuncia il nome, o un epiteto identificativo della divinità, fuori dal contesto religioso di riferimento.

Enzo Bianchi, monaco, priore della Comunità di Bose (Biella), commenta il secondo comandamento: Dio va lodato, non offeso e insultato. Ma neppure strumentalizzato. «Il tentativo di “arruolarlo” per idee o battaglie di parte è, invece, molto diffuso»

Sulla base di questo principio, poco tempo fa sono state condannate le Pussy Riot, definite da molti “teppistelle blasfeme”.

Le Pussy Riot chiedevano alla Madonna di liberare la Russia dal tiranno: era una preghiera.

Anche questa, del giornalista Camillo Langone, è una preghiera: chiede una pena mite per un uomo che ha assassinato una puttana, per di più negra.

Prega per una pena mite, il signor Langone, perché le negre sono bellissime, ma sono comunque soggetti da non frequentare alla luce del sole.

C’è anche un altro comandamento che recita non uccidere, e non mi sembra che da qualche parte sia specificato “ma non parliamo delle puttane negre” e neanche “quegli uomini che perdono la testa al buio sono esentati dal rispettarlo”.

Mi sembra inoltre che Gesù in persona si espresse in maniera inequivocabile nei confronti delle puttane:

In quel tempo, Gesù si avviò verso il monte degli Ulivi. Ma all’alba si recò di nuovo nel tempio e tutto il popolo andava da lui ed egli, sedutosi, li ammaestrava.
Allora gli scribi e i farisei gli conducono una donna sorpresa in adulterio e, postala nel mezzo, gli dicono: “Maestro, questa donna è stata sorpresa in flagrante adulterio. Ora Mosè, nella legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?”. Questo dicevano per metterlo alla prova e per avere di che accusarlo.
Ma Gesù, chinatosi, si mise a scrivere col dito per terra.
E siccome insistevano nell’interrogarlo, alzò il capo e disse loro: “Chi di voi è senza peccato, scagli per primo la pietra contro di lei”. E chinatosi di nuovo, scriveva per terra. Ma quelli, udito ciò, se ne andarono uno per uno, cominciando dai più anziani fino agli ultimi.
Rimase solo Gesù con la donna là in mezzo. Alzatosi allora Gesù le disse: “Donna, dove sono? Nessuno ti ha condannata?”. Ed essa rispose: “Nessuno, Signore”. E Gesù le disse: “Neanch’io ti condanno; va’ e d’ora in poi non peccare più”.
(Vangelo di Giovanni 8, 1-11)

Secondo la dottrina cristiana Non vi è né Ebreo né Greco, non c’è né schiavo né libero, non c’è più uomo né donna, perché tutti voi siete uno in Cristo Gesù (Paolo, lettera ai Galati).

Sostenere che esistono persone con le quali sedere serenamente al ristorante e creature relegate nell’ombra, i cui carnefici non sono neanche da biasimare, non mi sembra in linea con il pensiero cristiano, anzi, mi sembra un atteggiamento che addirittura lo contraddice.

Viene spontaneo chiedersi come mai le Pussy Riot sono in prigione, e vi resteranno due anni, mentre il signor Langone continuerà indisturbato a scrivere le sue preghierine, diffondendo il verbo della misoginia e del femminicidio.

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, notizie, società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...