Dolce amaro

La differenza fra una toilette e una donna è che la toilette non ti insegue nove mesi dopo che l’hai usata.

Differenza donna-specchio: la donna parla senza riflettere, lo specchio riflette senza parlare.

Che differenza c’è tra una pila e una donna? Che la pila ha almeno un lato positivo.

(fonte: http://corrieredelmezzogiorno.corriere.it/fotogallery/campania/2012/09/zucchero_bustine/zucchero_bustine_fotogallery-2111680789477.shtml#5)

Queste ed altre simpatiche battute sono l’idea pubblicitaria di una ditta di Battipaglia, la Techmania, che vende prodotti tecnologici.

Sembra che i messaggi incriminati siano in tutto 14.

Alle accuse di misoginia il responsabile marketing Fabiano Sole risponde: Il messaggio ha un’evidente finalità ironica ed è stato veicolato senza voler offendere alcuno. In quest’azienda lavorano sei donne e quel messaggio rientra in un più vasto repertorio di freddure riportate sulle bustine di zucchero con messaggi ironici anche sugli uomini.

Pare che però di battute sugli uomini ce ne sia solo una, questa: Come puoi definire un uomo con metà cervello? Fortunato.

Ritengo ci sia una profonda differenza tra la battuta dedicata ai maschietti e le battute che ci spiegano quanto sia meno problematico usare una toilette che una donna.

Non voglio contestare la buona fede del signor Fabiano Sole – nella cui enorme e si spera integra mole di cellule grigie sfortunatamente non trova spazio la definizione di buongusto – ma io, al di là delle intenzioni, mi sento offesa.

Perché non mi diverte, non mi strappa neanche l’accenno di un sorriso l’immagine di un uomo che “si svuota” con il medesimo spirito dentro un water e dentro una donna.

E non mi piace essere continuamente paragonata ad oggetti inanimati (il water, la pila, lo specchio…) perché sono un essere umano.

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, notizie, società e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Dolce amaro

  1. Paolo1984 ha detto:

    Scusa Chiara se ti rispondo sul tuo blog, ma su femminileplurale non mi permettono più di postare.
    Volevo solo dire che affermare che una persona che viene da un’infanzia violenta, traumatica rischia (non è detto che succeda) o di diventare violenta o di scegliere un compagno violento con lei, non significa giustificare i violenti o dare la colpa alla vittima, purtroppo sono dinamiche che possono in effetti verificarsi e sono state anche raccontate con grande sensibilità dalla letteratura

  2. Ah, non puoi postare per problemi precedenti? Beh, devi averla fatta grossa…
    Certo che le dinamiche che descrivi esistono, ma non sono la regola… Non sempre chi ha avuto un’infanzia all’insegna della violenza si trasforma in vittima o carnefice, e a volte chi ha goduto di un’infanzia lontano da questi problemi si rivela una persona violenta… o incappa nella persona violenta.

    • Paolo1984 ha detto:

      ma infatti non c’è una regola fissa, può succedere come no

      • Appurato che, al di là di regole di cattere generale, che difficilmente si applicano alle situazioni particolari e agli individui (siamo tutti diversi!), purtroppo c’è un contesto culturale che “ci contiene” tutti: in quel contesto, le persone di sesso femminile sono spesso spersonalizzate, accomunate ad un oggetto “da fruire”, piuttosto che ad un soggetto con cui intergire da pari a pari: e questo favorisce lo svilupparsi di episodi violenti, laddove un diverso contesto si opporrebbe ad essi…

  3. Alessio Sportaro ha detto:

    a me sembra divertente, e un po come le battute dei Griffin.

  4. I Griffin? Confesso pubblicamente la mia ignoranza in materia…

    • Paolo1984 ha detto:

      I Griffin sono un cartoon americano per adulti satirico-umoristico ideato da Seth McFarlane, sono una parodia della famiglia americana media e della società statunitense nel suo complesso tipo i Simpson ma la loro comicità è molto più “cattiva”, politicamente scorretta e con decise virate sulle gag surreali e demenziali, è un cartoon irriverente verso tutto e tutti, (più simile a South Park per certi versi) ma francamente il loro umorismo, anche il più cinico e “scorretto” è su un livello ben più nobile delle battute sulle bustine. Certo possono non piacere (del resto “piacere a tutti” non interessa a McFarlane), possono anche risultare volutamente sgradevoli ma francamente I Griffin sono spettacolo, sono (per me) arte..niente a che fare con le bustine

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...