Sulla censura

La censura è una forma di controllo sociale che limita la libertà di espressione e di accesso all’informazione, basata sul principio secondo cui determinate informazioni e le idee e le opinioni da esse generate possono minare la stabilità dell’ordine sociale, politico e morale vigente. Applicare la censura significa esercitare un controllo autoritario sulla creazione e sulla diffusione di informazioni, idee e opinioni. La pratica della censura fa la sua apparizione in quella fase dello sviluppo sociale in cui l’individuo comincia a rendersi autonomo dalla collettività e la libertà di espressione del singolo non può più essere pienamente controllata da tabù.
È ormai un uso consolidato suddividere la censura, secondo l’oggetto e il tipo di autorità che la esercita, in religiosa, politica e morale. Quando è la religione l’istituzione sociale predominante, eresia ed empietà costituiscono i bersagli principali della censura; la formazione degli Stati nazionali orienta la censura contro il tradimento e le idee politicamente sovversive; la censura morale, infine, può essere esercitata sia dalle autorità statali che da gruppi di pressione volontari ed è diretta contromessaggi ritenuti moralmente scorretti, offensivi, volgari o altrimenti sconvenienti, affinché non possano raggiungere il pubblico o farlo in modo indiscriminato. Un esempio è la censura applicata alla pornografia e alle rappresentazioni esplicite di violenza, che ne limita solitamente l’accessibilità da parte di minori. (da Treccani, Enciclopedia delle Scienze Sociali)

Ora: questo è un blog personale, è di mia proprietà e serve a veicolare le mie idee e le mie opinioni.

Il termine blog è la contrazione di web-log, in cui log sta per “diario”. Questo è un diario pubblico delle mie riflessioni. Io sono l’unico amministratore.

Non sono un’autorità e questo rispetto qualsiasi significato vogliate dare al termine. Non mi illudo neanche di poter esercitare una qualche “pressione” su chicchessia.

Di conseguenza nel mio blog l’unica discussione in merito alla libertà di espressione del pensiero potrebbe eventualmente riguardare i miei post, ma certo non i commenti dei lettori, che sono sottoposti a moderazione: io decido quali pubblicare e quali no (come ho spiegato nella pagina dedicata a questo tema, ma repetita iuvant…).

Offro agli utenti la possibilità di commentare perché ritengo di avere molto da imparare e sono convinta che un civile confronto posa sempre essere motivo di crescità: No man is an island entire of itself; every man is a piece of the continent, a part of the main, scriveva John Donne.

Ci sono però idee che non intendo alcun modo veicolare attraverso questo blog ed una di queste è la convinzione che le differenze biologiche che sussistono fra gli esseri umani (il colore della pelle o il genere sessuale, ad esempio) stabiliscano un rapporto gerarchico “naturale” fra gli individui.

In altri termini: non intendo pubblicare le “opinioni” di chi pretende di classificare le persone come “migliori” o “peggiori” su base biologica.

Persone come queste, ad esempio, o le persone che scrivono cose così: Contrariamente al razzismo femminista, il risultato indubbio è che nella realtà, dagli albori della storia in ogni campo i migliori sono uomini. I migliori atleti. I migliori scienziati. I migliori cuochi. I migliori musiciti, stilisti. Piloti. Leader politici e religiosi.  Esploratori.  Ingegneri. Pittori. Scultori. Filosofi. Giornalisti. Nonostante passi falsi, criminali e problemi, il progresso umano dalla caverna ad oggi è indubitabile, ed è in massima parte frutto dell’ingegno e dello spirito di impresa maschile.

Questo genere di convinzioni ha condotto in passato ad alcune fra le pagine più buie della storia del genere umano (ve le devo ricordare?)  ed io non mi renderò complice di chi manifesta questo genere di tendenze, tra l’altro prive di qualsiasi fondamento, storico o scientifico.

Non lascerei entrare questo genere di persone in casa mia, quindi non vedo perché dovrei permettere loro di scrivere sciocchezze nel mio blog.

Come ho già scritto altrove, chiunque le manifesti una volta è fuori da questo blog e non potrà inserire altri commenti.

Io non impedisco alle persone di parlare, ma solo di parlare con me: esercito il mio diritto a non ascoltare. Certe idee suscitano in me più che disapprovazione, più che disprezzo… direi che la parola più adatta in questo caso potrebbe essere disgusto. Dopo averle sentite una volta, non sento il bisogno di sentirle una seconda.

index

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in riflessioni e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Sulla censura

  1. Sabrina ha detto:

    mi hai incuriosita e ho cercato su google l’articolo che vuoi censurare. Evito di parlarne, ma (non ti arrabbiare) è davvero interessante

  2. Sabrina, o chiunque tu sia: non cercare di prendermi in giro, non ci riusciresti.
    Il senso di questo articolo è: non voglio su questo blog chi predica la diseguaglianza. Che siamo tutti diversi è così ovvio che non serve neanche rimarcarlo… Ma non sono accettati discorsi che sostengono che le differenze biologiche fra le persone debbano comportare una classificazione in esseri umani superiori ed esseri umani inferiori. Esempio: i bianchi sono più intelligenti dei neri. Oppure: i maschi sono più intelligenti delle femmine. Questo genere di discorsi da questo blog è bandito.
    Quindi neanche tu sei gradita. Vai a conversare con qualcun altro: il web è grande e libero. Ma questo pezzettino di web è affidato a me e lo gestisco io.
    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...