Questo è un blog anti-Pas

no-alla-pasVorrei chiarire che questo blog è anti-Pas e non se ne vergogna. Non lo considero in alcun modo un insulto.

Essere anti-Pas per me significa essere pro-diritti umani: significa difendere il diritto delle persone a non subire questo genere di violenza:

L’ingiustizia in qualsiasi luogo è una minaccia alla giustizia ovunque, ha detto Martin Luther King, pertanto non importa se la persona trascinata non sono io, la cosa mi riguarda e mi riguarda personalmente.

Come ho già scritto altrove, questo episodio insieme ad altri analoghi e più recenti sono veri e propri esempio di violenza istituzionale: Lo Stato ha violato il primario presidio di educazione alla legalità che è la scuola e violentato, perché di violenza si tratta, uno dei suoi figli più fragili, cioè un bambino… ebbe a dire in proposito l’On Borghesi.

Per applicare la teoria della minaccia del Dott. Gardner e resettare un essere umano lo Stato ha violato la legge.

Recita l’ Art. 571, codice penale  – Abuso dei mezzi di correzione o di disciplina.

Chiunque abusa dei mezzi di correzione o di disciplina in danno di una persona sottoposta alla sua autorità, o a lui affidata per ragione di educazione, istruzione, cura, vigilanza o custodia, ovvero per l’esercizio di una professione o di un’arte, è punito, se dal fatto deriva il pericolo di una malattia nel corpo o nella mente, con la reclusione fino a sei mesi.
Se dal fatto deriva una lesione personale, si applicano le pene stabilite negli articoli 582 e 583, ridotte a un terzo; se ne deriva la morte, si applica la reclusione da tre a otto anni.

Articolo al quale aggiungo la sentenza 10.09.2012 n°34492, Cassazione penale, sez VI:

Costituisce abuso punibile, a norma dell’art. 571 c. p., anche il comportamento doloso che umilia, svaluta, denigra o violenta psicologicamente un bambino, causandogli pericoli per la salute, anche se è compiuto con soggettiva intenzione educativa o di disciplina.

(Caso in cui una professoressa aveva costretto un alunno a scrivere per 100 volte sul quaderno la frase “sono un deficiente”, e per avere adoperato nei suoi confronti un comportamento palesemente vessatorio, rivolgendogli espressioni che ne mortificavano la dignità, rimproverandolo e minacciandolo di sottrarlo alla tutela dei genitori, così causandogli un disagio psicologico per il quale fu necessario sottoporlo a cure mediche e a un percorso di psicoterapia.)

L’ho già scritto e lo ribadisco: to reset significa azzerare. La terapia della minaccia si propone di usare la violenza (le minacce) per fare al minore un vero e proprio lavaggio del cervello. Perché isolamento, controllo dell’ambiente, paura, coercizione, sono tutti strumenti citati dai teorici del lavaggio del cervello. Paradossale, non vi pare? Condannare con ferocia una presunta manipolazione mentale e poi curarla con la manipolazione mentale…

Evidentemente il problema per queste persone non è l’atto in sé, il manipolare: il punto è stabilire chi ha il diritto di farlo e chi no.

Comunque la terapia della minaccia non funziona, come ha dimostrato chi ci è passato, si è ribellato e ha sostenuto fino in fondo le sue posizioni:

L’appello di Damon

Oggi Damon è casa e ha ottenuto ciò che chiedeva: essere ascoltato e creduto.

E’ esattamente quello che gli anti-Pas chiedono per ogni bambino: che sia ascoltato e creduto.

La teoria di Gardner è priva di qualsiasi conforto scientifico.

Non lo dico io, lo dicono esperti su esperti.

E quelli che sostengono il contrario parlano a sproposito di neurologia, senza sapere che cosa sia, la neurologia:

Propaganda

oppure usano la definizione disturbo relazionale (che non esiste) e la usano dopo aver scritto nero su bianco sindrome da alienazione genitoriale (dimostrando di essere in disaccordo persino con se stessi):

Propaganda II

Questa gente, letteralmente, ci racconta le favole, pensando così di supportare con serio piglio scientifico l’alienazione genitoriale:

Propaganda III

Ma il bestiario non finisce qui: confondono reati e malattie, pretendendo che un CTU possa diagnosticare un atto criminale

La zuffa concettuale

fanno diagnosi a gente morta e sepolta

Einstein, Medea e Popper

disconoscono la differenza tra i termini fenomeno e teoria

Il fenomeno

per non parlare del fatto che citano studi scientifici che non hanno mai letto inventandone di sana pianta i contenuti (all’insaputa di chi, quegli studi, li ha redatti)

La conoscenza

Se anche la Pas non comportasse il degenerare delle situazioni in comportamenti criminali contro i bambini, sarei comunque anti-Pas, perché gli articoli che la riguardano sono un insulto all’intelligenza.

Ma questa è solo la punta dell’iceberg, ci sarebbero molte altre cose di cui parlare…

Del fatto che chi sostiene l’alienazione genitoriale sente contemporaneamente il bisogno di negare il femminicidio, ad esempio:

Il poveri papà separati

oppure di inventare percentuali astronomiche sul fenomeno dei falsi abusi:

Lei mente

Il pregiudizio nei confronti delle donne è coltivato attraverso pagine che ci raccontano quanto siamo avide e cattive (soprattutto quelle che pretendono di divorziare):

La vacca

e ci fanno intuire che tipo di trattamento meritiamo:

Il cacciatore

Contro le donne – soprattutto le madri separate – si sfoderano le armi del dileggio:

La proiezione, Vajassa Faldocci e Der Stürmer

Di fronte alla violenza perpetrata contro i bambini io non riesco a rimanere né indifferente né neutrale.

Di fronte a chi, con estrema superficialità, pensa di poter far passare per scienza una serie di affermazioni opinabili, non posso rimanere in silenzio.

Di fronte a simili argomentazioni pro-Pas, non è certo possibile cambiare opinione.

Concludendo: questo Ricciocorno è anti-Pas e spero di aver spiegato perché. Essere anti-Pas lo considero assolutamente necessario, non potrei essere altrimenti. Mi stupisce che qualcuno possa considerarla un’offesa…

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in affido e alienazione genitoriale, giustizia, in the spider's web, riflessioni, scienza, società, tutti i volti della Pas e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Questo è un blog anti-Pas

  1. cassandra ha detto:

    Finalmente una analisi accurata e completa. Standing ovation.

  2. GiuliaP ha detto:

    ma come si fa a cercare di negare che alienazione genitoriale e pedofilia sono abusi sull’infanzia?

  3. Alienazione genitoriale e pedofilia: uno strano accostamento cara Giulia. Perché chi chiacchiera di alienazione genitoriale (facendo comunque sempre riferimento ai testi di Gardner, quindi -di fatto – parlando di Pas pensando di confondere chi ascolta con un termine leggermente diverso) chi chiacchiera di alienazione genitoriale, dicevo, è molto impegnato a confutare le accuse di pedofilia. L’alienazione genitoriale è molto usata, in Tribunale, da chi viene accusato di abuso su minore per difendersi dalle accuse… E’ questo il legame fra alienazione genitoriale e pedofilia che emerge dai casi (come il più recente, quello dei bambini di Battipaglia) e dalla lettura dei testi del Dott. Gardner…

  4. hero4rent ha detto:

    L’ha ribloggato su hero4rent.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...