La verità inconoscibile

Una traduzione da “Why Young Sexual Assault Victims Tell Incoherent Stories

bambiniNel dibattito intorno a Woody Allen, c’è una cosa sulla quale tutti sembrano concordare: non si può essere sicuri di cosa esattamente successe quel giorno del 1992.

Dylan Farrow dice che suo padre la condusse in una mansarda e la molestò sessualmente. Allen insiste che lui è innocente. I suoi sostenitori, tra i quali il suo amico e documentarista Robert B. Weide, che lo ha difeso su The Daily Beast lo scorso fine settimana, sostengono che una revisione delle prove può anche suggerire che la madre di Dylan Farrow abbia impiantato falsi ricordi nella sua mente. Nel frattempo, pubblicazioni come Jezebel, Salon, e The New Republic hanno cercato di adottare una prospettiva più equilibrata, ricordando ai lettori che la verità è inconoscibile.

Eppure c’è qualcosa di intrinsecamente squilibrato in un caso di abuso su minori. Il velo di mistero che rende la verità “inconoscibile ” è uno strumento per mezzo del quale si perpetra il delitto. In assenza di testimoni o prove inconfutabili, a prevalere è l’enigma generato dal “lui ha detto / lei ha detto”. L’aggressore lo sa e usa questo fatto a suo vantaggio.

Non appena i bambini muovono delle accuse, entrano in un mondo pieno di concetti “adulti” – idee che essi non capiscono del tutto. Al fine di raccontare  le loro storie, devono imparare una nuova lingua e usare parole sconosciute per rendere  sentimenti vaghi e indefiniti. L’intero dramma svolge in un contesto adulto, il che significa che l’adulto ha sempre il sopravvento. Non c’è nessuna possibilità di creare un ambiente neutrale.

Lo so per esperienza personale. Quando avevo 8 anni sono stata molestata da un cugino molto più grande al quale ero stata affidata. Passò ore a schernire me e la mia sorellina di 5 anni, minacciando che se non ci fossimo comportate bene avrebbe tirato giù la lampo dei suoi pantaloni. Poi mi condusse in bagno mentre mia sorella guardava la TV. Ha fissato il chiavistello sulla porta, che era troppo in alto perché io lo potessi raggiungere, e mi ha preso in giro quando ho detto che non avevo voglia di fare le cose che mi chiedeva di fare. Così le ho fatte. Lui mi tenne lì con lui, chiusa in bagno, finché non arrivò l’ora di andare a letto.

Ma io e lui siamo le uniche persone al mondo che sanno per certo quello che è successo. Non posso provare una sola parola, e mio cugino è non mai stato accusato di nessun crimine. Sono grata ai miei genitori perché hanno preso seriamente la situazione, e da quella volta non l’ho più visto. Come Woody Allen, anche mio cugino ha voltato pagina. Oggi ha una casa, una moglie e un bambino.

Come tanti ci hanno ricordato, Allen non è mai stato condannato. Anche Nicholas Kristof ha sottolineato questo fatto nella sua introduzione alla lettera della Farrow del primo febbraio: “E’ importante rimarcare che Woody Allen non è mai stato perseguito per questo reato e ha sempre negato qualsiasi addebito, pertanto merita la presunzione di innocenza.” Mentre quelli che lo difendono continuano a ricordare al pubblico che un’indagine indipendente condotta da un team medico di Yale non ha trovato alcun motivo per concludere che le accuse erano vere. Inoltre, insistono, le storie di Dylan erano inconsistenti e recitate.

Il problema è che se le giovani le vittime possono essere liquidate perché le loro storie appaiono incoerenti e recitate, tutto il gioco è truccato dal primo momento.

La Farrow dice che quando  ha raccontato a sua madre ciò che Allen aveva fatto, “non aveva idea della tempesta che si sarebbe scatenata”. Questa è stata anche la mia esperienza. In realtà, fu la mia sorellina a portare la vicenda alla luce, chiedendo ai miei genitori se avessero mai sentito mio cugino minacciare di tirarsi giù la lampo dei pantaloni, e io mi arrabbiai con lei perché si stava comportando come una bambina piccola. Pensavo che tacere significasse “comportarsi da adulta”. Avevo accettato la versione del mio cugino più grande e “figo”; anche se mi sentivo sbagliata in merito a quello che era successo, credevo dipendesse da me.

Quando i miei genitori allarmati mi chiesero di tirare fuori ogni dettaglio di quello che era successo, cercando di ricorstruire il succedersi degli eventi a partire da azioni specifiche e parti del corpo, ero terrorizzata dalla loro serietà. La conversazione era così importante che ci sedemmo nel punto esatto dove mia sorella aveva nominato per la prima volta la cosa: sulle scale. E ‘difficile fare un resoconto preciso di qualcosa quando si è così sotto pressione, quando una cosa è così urgente e grave che non c’è nemmeno il tempo di arrivare ad una sedia. E’ così che vengono piantati i semi dell’ “incoerenza narrativa” in un bambino, prima ancora prima che comprenda appieno quanto esattamente la faccenda sia importante.

Questo è il motivo per cui raccogliere prove in un caso di aggressione sessuale a minori è un gioco sporco.

I miei genitori presentarono una denuncia alla polizia pochi giorni dopo l’incidente e venni interrogata da un’investigatrice.

E’ arrivata alla mia scuola una mattina, mi ha trascinato fuori dalla classe inventando un motivo palesemente fasullo, tanto che l’ho capito persino io che mentiva. Mi ricordo di essere rimasta seduta con lei per molto tempo. Quando ha portato la conversazione sull’abuso, ha cominciato col chiedere se conoscevo le parole esatte per descrivere le mie parti intime. Ha spiegato che non c’erano risposte sbagliate e che non ero nei guai. Ma io ho formulato le mie risposte in modo tale da evitare che andasse avanti. Ero consapevole che  ero l’unica persona nella mia classe che doveva subire un interrogatorio e che il gioco “Heads Up , Seven Up” che mi stavo perdendo era probabilmente molto più divertente.

Sono sicura che le storie che raccontai agli investigatori e ai miei genitori suonassero “recitate” come quella di Dylan Farrow. La storia era la mia, ma le parole erano nuove per me. Ho dovuto interiorizzare un contesto e un vocabolario basandomi sul modo in cui gli adulti interagivano con la mia storia. Ho dovuto imparare che i dettagli erano al cosa più importante.

Insomma, dovetti seguire molto, molto rapidamente un corso intensivo su un argomento davvero arduo.

Se Dylan Farrow ha vissuto la mia stessa esperienza, se sua madre ha dovuto insegnarle che cosa significava quello che aveva subito e perché era una cosa seria, allora parliamo di  una cosa molto diversa dall’essere “indottrinati”.

I miei genitori scelsero di non tormentarmi e non andare avanti con accuse penali, e probabilmente non ci sarebbe mai stato “un caso”.

Ma 19 anni dopo io so due cose: so che quello che vi racconto è davvero accaduto e so che non c’è assolutamente nulla che io possa fare per dimostrare che non ero una ragazzina confusa che si inventava una storia contorta .

Potreste pensare che io sono di parte, per questo credo a Dylan Farrow. Avreste ragione. La sua lettera è così sorprendentemente familiare, fino al momento esatto in cui si interrompe e glissa  – che trovo difficile non crederle. Ma so anche che se Woody Allen fosse stato processato e io mi fossi ritrovata fra i giurati, lo avrei dichiarato non colpevole. Probabilmente anche tutti gli altri giurati lo avrebbero dichiarato non colpevole. Legge e Tribunali sono giochi per adulti e si gioca secondo le regole degli adulti.

Ma il fatto che non sapremo mai cosa sia realmente accaduto in questo caso non mi lascia indifferente. Mi fa infuriare. Il sistema favorisce gli adulti. Anche se Woody Allen non ha abusato Dylan Farrow, un numero imprecisato di bambini è vittima di abusi sessuali. E in un numero enorme di casi, gli adulti responsabili non saranno mai giudicati colpevoli. Tutto è contro le vittime fin dall’inizio. E’ su questo che contano i loro aguzzini.

Sullo stesso argomento:

Una lettera aperta di Dylan Farrow

Dylan Farrow replica a Woody Allen

Metà degli aguzzini non paga

Abuso sessuale sui minori. Scenari dinamiche testimonianze

Advertisements

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, giustizia, in the spider's web, notizie, riflessioni, società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a La verità inconoscibile

  1. paolanu ha detto:

    Mi sembra di rivivere ciò che sto vivendo io. Una bambina di dieci anni vittima di abusi psicologici da parte della madre e picchiata più volte che non viene creduta.
    Mi sembra di leggere le consulenze dei vari C.T.U. che si sono succeduti che considerano la ragazza alienata dal padre (oggi ha quasi 14 anni), anche a lei è stato detto che il racconto pare imparato a memoria, la cosa più stupefacente è che a dirlo sono persone che hanno studiato psiche umana ma che evidentemente non hanno capito nulla.
    L’aguzzina in questione ha addirittura detto che era la bambina a picchiare lei!!!
    Che le vittime sono perdenti in partenza l’avevo capito già da molto tempo…..ma non riesco a rassegnarmi ! Sono i bambini che alla fine devono pagare sia per quello che hanno subito sia per la stupidità di chi dovrebbe aiutarli.

  2. Il Rasoio di Occam ha detto:

    Ho letto un articolo in cui si spiegava che il modo in cui le vittime di stupro spesso non sono in grado di verbalizzare l’accaduto perché al momento del trauma la corteccia prefrontale, che è quella che ricorda gli eventi in modo lineare, va in “shutdown” ed entra in gioco l’amigdala che è il centro delle emozioni primordiali . Questo fa sì che si immagazzinino ricordi sensoriali tipo odori, rumori e sensazioni, ma non una vera e propria sequenza di eventi. Quando la polizia insiste per ottenere un racconto cronologico e la vittima non riesce a produrlo viene automaticamente ritenuta non credibile. Questo quando è adulta, figuriamoci una bambina…

    • http://www.ppp-baden.ch/download/traumabehandlung_it.pdf
      In base allo studio della moderna neurobiologia sappiamo oggi che si distinguono fondamentalmente due diverse forme di Memoria: cioè la cosìddetta memoria implicita, procedurale o anche detta amigdaloide, una specie di preavviso del pericolo, e quella esplicita o ippocampale, che si può considerare come una specie di archivio dei ricordi. Nel caso di episodi non traumatici, le sensazioni collegate con i suddetti, in base della verifica del pericolo a loro inerente, raggiungono dapprima sempre il cosiddetto nucleo della Mandorla, la Amigdala, ed i ricordi di questi episodi, finché questi episodi non presentano una situazione di trauma, vengono trasportati nel cosiddetto “Ippocampo” o Ippocampo del cervello temporale (lobo corticale temporale). Una volta raggiunto l’Ippocampo, il rispettivo episodio per la persona può da una parte non essere emozionalmente ed eccessivamente gravoso e dall’altra parte risultare come biografico narrativo, cioè cronologico temporale e ricordato in un linguaggio esprimibile.
      Quando invece si arriva all’elaborazione traumatica dell’avvenimento vissuto, il trasporto del ricordo annesso all’avvenimento dall’Amigdala all’Ippocampo non avviene, ed il ricordo traumatico resta fissato nella memoria implicita dell’Amigdala.
      Qua assumono i ricordi traumatici la qualità di inondanti forti emozioni. Il ricordo traumatico resta bloccato là e non può essere ricordato né cronologicamente temporale
      né verbale, risulta spesso frammentario, cioè consiste solo di singoli frammenti di ricordi e / o di ricordi del corpo. Questi ricordi hanno la particolarità, spesso
      attraverso specifiche stimolazioni esterne ed interne, per mezzo di improvvisi estremamente spiacevoli a creare immagini traumatiche o sensazioni traumatiche del corpo (Flashbacks o Flashbacks del corpo) o incubi ricorrenti, di penetrare nella coscienza e condurre ad un improvviso fortissimo malessere e disagio scatenando sensazioni di paura e o di rabbia, sensazioni d’impotenza e di perdita del controllo nel quotidiano.

      Situazione descritta, per chi l’ha visto, nel film “La besta nel cuore” http://www.labestianelcuore.it/la-bestia-nel-cuore-il-film-tratto-dallononimo-libro/

  3. Close The Door ha detto:

    Mi dispiace per quello che ti è successo , mi piacerebbe abbracciarti e mi piacerebbe abbracciare i tuoi genitori che hanno saputo capire e proteggerti. Non saprei come può fare un adulto per far capire a un bambino, che è tutt’altro che stupido, che sarà protetto dalle conseguenze una volta che decide di parlare – ammesso poi che questo sia possibile. Ho visto degli interventi del prof Montecchi che si occupa di bambini abusati e lui ha provato a rendere conto della complessità dello stato d’animo dei bambini su questi argomenti, ma chissà che cosa nasce poi in queste circostanze. Di tutta questa storia trovo un lato positivo, e cioè che se per caso tuo cugino dovesse ricevere una seconda denuncia da parte di qualcuno, il precedente che ha avuto con te sarebbe preso molto molto seriamente da parte della polizia. Buona settimana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...