Critiche e benaltrismo

Preferirei aver del sangue sulle mani piuttosto che l’acqua come Ponzio Pilato. (I commedianti, parte I, cap. IV, Grahm Green)

pilato

Barbara Palombelli risponde alle critiche ricevute per il suo intervento a favore di Mauro Floriani, e scrive:

Mauro Floriani, marito di Alessandra Mussolini, coinvolto nella vicenda delle cosiddette baby squillo dei Parioli, non lo conosco. Potrebbe essere una vittima o un carnefice, ma non è e non sarà un mio problema.

Potrebbe essere una vittima il già “povero Floriani”, ci dice la Palombelli, credendo così di risultare perfettamente neutrale.

Ma l’unico modo per non  esprimere un giudizio è rimanere in silenzio.

Vittima è chi è costretto a subire angherie, persecuzioni, prepotenze, o chi soggiace alla volontà altrui per debolezza di carattere, in maniera inconsapevole. Supporre che il Floriani possa essere la vittima, in questo caso, significa ammettere la possibilità che un uomo adulto, ex Guardia di Finanza e dirigente di Trenitalia nonché padre di famiglia, possa essere stato raggirato da una ragazzina di 15 anni e convinto – per debolezza di carattere o inconsapevolmente – ad infrangere la legge.

Perché la Palombelli, che scrive

La verità è che il commercio dei corpi – in Italia – non è legale, non paga tasse, non è riconosciuto, ma non è illegale

dimentica che invece la prostituzione minorile, in Italia, è un reato penale:

chiunque compie atti sessuali con un minore di età compresa tra i quattordici e i diciotto anni, in cambio di un corrispettivo in denaro o altra utilità, anche solo promessi, è punito con la reclusione da uno a sei anni e con la multa da euro 1.500 a euro 6.000

ci dice l’articolo 600 bis.

Gli inquirenti che indagano sul caso, hanno dichiarato:

“Molti clienti se ne andarono dopo essersi resi conto che si trattava di una ragazzina, come fece lui a non accorgersene?”

Prostituirsi, in Italia, non costituisce reato. Un uomo che volesse pagare per fare sesso senza incorrere in guai con la legge, è liberissimo di farlo: è sufficiente che chieda alla donna con cui ci si accinge a fare sesso un documento che attesti la sua maggiore età.

Io non riesco proprio a supporre che il “povero Floriani” sia rimasto “vittima” di una ragazzina di 15 anni. E ho spiegato perché.

Trovo perturbante che una donna adulta possa supporlo.

Questo paese è disposto a colpevolizzare una ragazza stuprata perché è stata tanto incauta da indossare una gonna troppo corta, ma non trova nessuna difficoltà a deresponsabilizzare un uomo che non distingue una quindicenne da un’adulta.

Quello che ci dice la Palombelli, con la sua replica è: ma perché ce la prendiamo col Floriani? Tanti vanno con le ragazzine… dovremmo parlare di altro, ci sono cose più importanti di cui discutere:

Se una banca evade o elude il fisco, non succede niente, se lo fa un cittadino passa il resto della vita a rateizzare multe esose. Se un’azienda scappa all’estero per non pagare e magari i suoi azionisti tutti i giorni predicano stupidaggini ai poveri precari, si diventa famosi e osannati. Si può andare ospiti da amici? No, se ti chiami x o y, sì se vai dal padrone di casa o di barca giusto.

Ci sono le banche che evadono il fisco, le aziende che scappano all’estero per non pagare, ci sono i precari in difficoltà… ci sono x e y che vanno in barca (???)

Una definizione di benaltrismo:

Questa tendenza retorica consiste nell’attaccare un’affermazione che esprime un problema o una soluzione affermando a propria volta che i problemi o le soluzioni sono “ben altri”. L’atteggiamento del benaltrismo non è quindi di critica verso un’affermazione in sé, ma sull’ordine di importanza dell’affermazione stessa. Quelle sulla priorità di un problema o sull’opportunità di una soluzione sono considerazioni legittime ed intelligenti, ma il benaltrismo è il lato patologico di queste considerazioni, quando sono esasperate e ottuse: infatti ragionando logicamente è sempre possibile trovare problemi più grandi e soluzioni più radicali; la discriminazione è un problema? Ben altri sono i problemi: la gente non ha lavoro. La gente non ha lavoro? Ben altri sono i problemi: la struttura del mercato e della finanza deve essere riformata. Il mercato e la finanza devono essere riformati? Ben altri sono i problemi: dobbiamo pensare innanzitutto all’inquinamento. L’inquinamento è un problema? Ben altri sono i problemi: le ragioni dell’estinzione di massa del Permiano-Triassico sono ancora sconosciute, e se ricapita siamo del gatto noi e tutte le specie della terra. Senza contare asteroidi e alieni minacciosi.
Il benaltrismo è la posizione del solone che vuole mostrare di saperla lunga, indicando dal pulpito i veri problemi e le vere soluzioni, mentre si crogiola in quella che è una sostanziale e impotente inerzia. Ciò che il benaltrista non fa è focalizzare i passi successivi da compiere vagliando problemi e soluzioni con sensata priorità: “un viaggio di diecimila miglia inizia con un singolo passo” diceva il saggio. Secondo il benaltrista, inizia con ben altri passi.

Sullo stesso argomento:

Elogio della nostalgia

 

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, giustizia, riflessioni, società e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Critiche e benaltrismo

  1. IDA ha detto:

    “Dal fisco alla corruzione, dalle minori che adescano fino alle liste nere minacciate e brandite per miserie che dovrebbero essere sanzionate nell’anonimato nell’interesse di altri minori (i figli dei malcapitati come il povero Floriani, a loro chi ci pensa?)”
    Non c’è solo del benaltrismo, ma la chiusa illumina tutto il palombellopensiero: minori che adescano, ste.. troie, si sa la carne è debole, anche i vip hanno le loro miserie, chi l’avrebbe mai detto!….e fare finta di niente nell’interesse dei figli del cliente..perchè un padre non può assumersi la responsabilità di essere genitore, bisogna pensarci noi.. tanto quelle adescano, ci sono sempre state e sempre ci saranno… più o meno il succo …

    • winola ha detto:

      Ma è fissata con le liste nere? Pure nell’altro pezzo parlava di liste nere dei magistrati…
      Lista nera a me fa venire immediatamente in mente una persona ingiustamente persegiutata (tipo le liste nere dei dissidenti politici nella dittature).
      Sicura sicura, Palombelli, che non stai esprimendo un giudizio su Floriani (e pure sui magistrati)?

  2. winola ha detto:

    “Mi occupo di minori da un trentennio. Mai ho conosciuto qualcuno che sul serio volesse strappare maschietti e femminucce dal traffico di carni. Anche quando sono palesi la riduzione in schiavitù, la costrizione a rubare o spacciare, gli abusi sessuali familiari e/o collettivi, la cautela delle magistrature ritarda interventi necessari e urgenti. Tutto si accelera, in un crescendo di intrighi e gogne se c’è di mezzo l’orrenda sigla: vip.”
    Ma sta scherzando vero? Sta sostenendo praticamente che siccome ci sono casi che non sono stati trattati correttamente, allora si dovrebbe usare lo stesso metro di giudizio anche in tutti gli altri? Se è stato assolto qualcuno per un errore giudiziario, allora tutti quelli che commentono la stessa fattispecie di reato dovrebbero essere assolti?
    Il peggio come norma, ma che bella idea!

    (Scusa il doppio commento, ma mi ero persa questo passaggio)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...