Il supremo interesse dei minori

 

Fonte: America’s Court-licensed abuse and court-sponsored sex slavery

Nei Tribunali dei Minori si parla di un abuso definito “alienazione genitoriale” che niente ha a che fare con un comportamento alienante (messo in atto da una delle figure genitoriali). Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, nei suoi rapporti presentati a seguito di indagini, ha confermato quanto accade, rilevando che che i Giudici stanno affidando i bambini a genitori abusanti giustificando tali decisioni con l’alienazione genitoriale.

Per chiarire: alcuni esempi

Katie Tagle (supportata dalle prove e dalla Polizia) supplicò il Giudice di emettere un ordine restrittivo perché il padre aveva minacciato di uccidere il piccolo Wyatt Garcia. Facendo appello all’alienazione genitoriale, il Giudice ordinò che il bambino venisse affidato al padre. Il risultato di tale decisione è stato l’omicidio di un bambino di 10 mesi.

L’ultima volta che Amy Leichtenberg ha visto i suoi due figli in vita erano alla stazione: lei avrebbe dovuto affidarli  al padre, che però si stava comportando in modo anomalo. Quando Amy tentò di rifiutarsi di lasciare Jack e Duncan con il padre, un ufficiale di Polizia la minacciò che sarebbe stata arrestata se si fosse rifiutata di eseguire un ordine del Giudice.

Anche Amy Castillo aveva richiesto un ordine restrittivo per proteggere i suoi bambini, che la corte le ha negato. Il marito le aveva annunciato quello che avrebbe fatto: “la cosa peggiore che poteva farmi era uccidere i bambini e costringermi a vivere senza di loro”. Mark Castillo ha annegato i suoi figli, uno dopo l’altro, nella vasca da bagno di un hotel di Baltimora.

Il mese scorso un giudice ha detto questo, ad una madre nel corso di un’udienza in California: “Signora Jones, siccome lei ritiene che il suo ex marito abbia molestato sessualmente il bambino, suo figlio è affidato al padre. Se non ritratta le accuse, a partire da agosto 2014 le sarà tolta definitivamente la potestà genitoriale”.

Negli Stati Uniti, perché tutto questo non debba accadere mai più, molte persone si stanno mobilitanto per promuovere quella che, in onore di Damon Moelter, è chiamata “Damon’s Law”, che chiede che gli abusi intrafamiliari su minori vengano indagati come lo sono quelli commessi da adulti estranei alla famiglia.

Damon, rinchiuso due volte in una struttura protetta allo scopo di essere resettato per recuperare il rapporto con la figura paterna, non ha mai smesso di denunciare gli abusi subiti, è fuggito e per non essere costretto a tornare a vivere con il padre e a 16 anni si è sposato a Las Vegas.

Per approfondire:

I Giudici si servono di una teoria controversa per punire le madri che denunciano gli abusi?

La terapia della minaccia

Il paradosso della “friendly parent provision”

Le teorie di Richard Gardner

Quando la bigenitorialità uccide

 

Advertisements

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in affido e alienazione genitoriale, dicono della Pas, scienza, società e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

30 risposte a Il supremo interesse dei minori

  1. tegmentosum ha detto:

    perchè riportare casi solo di padri assassini ?ci sono anche casi di madri che uccidono i figli

  2. Luciana Amerighi ha detto:

    Bugiarda, ma chi credi di prendere in giro? Un bambino di 10 mesi non può essere vittima di PAS, perché non è possibile alienare un bambino che non parla. La PAS non c’entra niente, ti sei inventata tutto

    • Nessuno può essere vittima di sindrome da alienazione genitoriale, visto che questa sindrome non esiste.

      Tanto che è successo che uno psicologo è stato persino condannato per averla diagnosticata, in Australia: http://www.theaustralian.com.au/news/nation/ruling-debunks-custody-diagnosis/story-e6frg6nf-1111115991375
      The Psychologists Board of Queensland (un organo analogo ai nostri ordini professionali) last month disciplined prominent Brisbane clinical psychologist William Wrigley, saying he had acted unprofessionally in giving evidence about parental alienation syndrome to the court.
      An investigation found that Dr Wrigley’s evidence three years ago, which had led to a mother losing custody of her two children, constituted “professional conduct that demonstrates incompetence or a lack of adequate knowledge, skill, judgment or care”.
      Al Dottor Wringley è stata imputata una condotta che dimostra incompetenza, una carenza di saperi, capacità, giudizio e cura nel suo lavoro.

  3. http://www.dailymail.co.uk/news/article-1248242/Father-Stephen-Garcia-kills-infant-son-chilling-murder-suicide-documented-Facebook.html
    Il caso Garcia: “The baby’s mother had pleaded with authorities for a restraining order against Garcia in December – but it was denied on January 12 as the court did not believe he was a threat to her or Wyatt.”

  4. Stefano Dall'Agata ha detto:

    È un peccato non poter passare gli indirizzi IP di certi commentatori alle Questure, cosìcché possano avere qualche elenco da cui partire in caso di un’altra Yara Gambirasi.
    Certo livore nel difendere gli abusanti mi puzza tanto di complicità.

    • In tutta sincerità, io credo che si tratti di paura: l’abuso intrafamiliare mette in crisi il concetto di nucleo familiare (inteso come mamma-papà-prole) come cellula fondante della nostra società. E’ difficile ammettere con se stessi che la tanto decantata “famiglia” possa non essere il luogo per eccellenza dove crescere il bambino. Ci aggrappiamo all’idea che il genitore – la madre o il padre – è comunque colui che agirà nel migliore interesse dei bambini. Purtroppo non è sempre così…

      • Stefano Dall'Agata ha detto:

        Io non sto dicendo che TUTTI sono pedofili con la coda di paglia, ma che in mezzo ce ne siano, troppi purtroppo.
        La complicità può essere sia ideologica, come dici tu, ma anche concreta, se non è vera e propria difesa dei propri comportamenti.
        Che Gardner oltre a d inventare la PAS, che nega gli atti criminali e li giustifica con bugie e mistificazioni della donna, abbia anche giustificato ideologicamente pedofilia ed altro è un indizio pesante,.

      • E’ già capitato, anche in Italia, che persone che si sono appellate alla Pas sono poi risultate effettivamente colpevoli: https://ilricciocornoschiattoso.wordpress.com/2013/12/05/il-lupo-mangia-tutte-le-mamme-del-mondo/
        Questo dovrebbe far accendere un campanello d’allarme…
        Come dovrebbe farlo il fatto che la teoria dell’alienazione genitoriale nasce dall’osservazione di Richard Garder “l’80/90% delle accuse di abuso su minore sono false”, un’osservazione smentita dalle ricerche empiriche, che hanno dimostrato che invece la maggior parte delle accuse è confermata in sede processuale dalle indagini. (ad esempio: http://www.leadershipcouncil.orgwww.leadershipcouncil.org/docs/Trocme.pdf)
        Su cosa si basa la teoria di questo signore? Su una falsa premessa. Basterebbe questo…

  5. Maura ha detto:

    Io saró anche una idiota prevenuta, ma non ho mai pensato che affidare prevalentemente i figli alle madri fosse un “favore” fatto alle madri!!! Da un lato, é vero che la separazione affettiva dai figli é dolorosissima , ma ( parlo per esperienza) l ‘ occuparsi dei figli da separati, se non si é ricchi, diventa anche una prigione. Superare una separazione é piú facile se si puó uscire, fare liberamente le cose che ti piacciono, dai corsi di ballo ai week end al mare.magari perché lui se ne é andato con una di 15 anni piú giovane. Frequentare qualcuno a scopo relazione seria, ma anche ” una sana notte di sesso” diventa quasi impossibile. Oltre alla normale attività lavorativa, anche il lavoro di cura diventa opprimente perché, oltre ai soliti lavori tradizionalmente femminili, toccano anche quelli maschili, portare pesi, gestire ogni cosa. Pensare a sé stessi, dieta, palestra, parrucchiere….. Un sogno. Carriera? No, c’ é da gestire influenze e palestra e dentista dei figli. Avete presente il film Shi devil? La madre decide di affidare i figli al marito , ma come punizione. Lui e la giovane amante vedono sfumare libertá e sogno d’amore lei si puó permettere carriera, rinnovamento fisico…
    Lo dissero già george Sand e Sibilla Aleramo. I figli sono il controllo che l’ ex marito esercita sulla ex moglie. Da loro, sa tutto quello che Lei fa. E sa, che lei sará sempre in casa, a nanna alle 10. Mentre magari ,( se non é proprio molto povero, ma in questo caso é molto povera anche la moglie, e non tutti i separati sono in miseria) se ne sta a giocare a poker fino alle quattro, o esce con la nuova fiamma, sa che i suoi figli sono al sicuro a nanna con la exmoglie, a nanna anche lei. Solo una donna molto ricca, potrai permettersi baby sitter e cameriera per la propria libertá.
    Per cui, guarda un pò, io pensavo che i giudici affidassero alle madri i figli per adesione al luogo comune che le madri se ne occupano perché sanno lavare le mutande. E non si portano a casa una matrigna cattiva come i padri di Cenerentola e Biancaneve. E invece é una cattiveria fatta ai padri!

    Per la rubrica, la minchiata del giorno , segnalo l’ articolo del giornale ( riportato dal solito drago spia) sulle donne che vogliono solo sesso selvaggio da sconosciuti.

  6. A proposito del caso Garcia:
    http://www.thedailybeast.com/articles/2010/05/05/fathers-who-kill-their-kids.html
    Stephen Garcia, 25, a Pinon Hills, California, contractor, had been allowed unsupervised visits with his son only a few days earlier by San Bernardino County Superior Judge Robert Lemkau, who was adjudicating a bitter custody battle between Garcia and the boy’s mother, Katie Tagle. The judge had refused to take seriously her repeated warnings of her ex-boyfriend’s violent and abusive behavior.
    Il padre, Stephen Garcia, aveva ottenuto delle visite senza supervisione qualche giorno prima (dell’omicidio) dal giudice Robert Lemkau, che rifiutò di prendere in considerazione le affermazioni della madre – Katie Tagle – in merito al comportamento violento e abusante dell’uomo.
    Alla Corte la Tagle aveva portato delle prove concrete delle minacce di Garcia: “emails, text messages, and voice messages”.
    Ma nonostante questo non è stata creduta. E’ di questo che si parla: di prove concrete ignorate o sottovalutate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...