Scienziati per un mondo senza prostituzione

Una traduzione da “Trauma and Prostitution, The Appeal

stopp-sexkaufle donne non sono merce

La prostituzione non è in alcun modo un lavoro come un altro. È degradante, straziante, è sfruttamento. Le persone prostituite vivono un sacco di orrore e disgusto, che devono reprimere in modo da sopportare l’esperienza. afferma Michaela Huber, psicologa e responsabile della Società Tedesca per il Trauma e la Dissociazione.

“Nel sistema prostituente, le donne sono sistematicamente denigrate, usate, e degradate ad oggetti.” dice Lutz Besser, direttore del Centro di Psicotraumatologia e Terapia del Trauma di Niedersachsen.

“La prostituzione affonda le radici nella violenza subita da bambini. La società non deve rifiutare o coprire questa violenza! ” chiede Susanne Leutner, vicepresidente dell’associazione di terapeuti del trauma EMDRIA.

Importanti terapeuti tedeschi esperti in traumi si espongono con l’obiettivo di diffondere consapevolezza sostenendo l’iniziativa “Stop SexKauf”. L’organizzazione, una coalizione di cittadini e centri di eccellenza, esige che i clienti vengano criminalizzati, in linea con il modello svedese: E ‘il nostro obiettivo, non criminalizzare la prostituta, ma attirare l’attenzione sul cliente, la cui domanda crea il mercato. I clienti sono i veri responsabili del fatto che un numero crescente di giovani donne provenienti dai paesi più poveri del mondo vengono portete in Germania per lavorare come prostitute” perché “La realtà delle donne nella prostituzione viene resa affascinante o banalizzata e ignorata E lo sfruttamento sessuale delle donne in questo modo viene normalizzato e cementato.

Questa posizione netta dei terapisti specializzati nel trattamento delle persone traumatizzate desta un certo clamore, per usare un eufemismo. Tra i terapeuti che hanno aderito all’iniziativa c’è il Prof. Günter Seidler, a capo di psicotraumatologia presso l’Università di Heidelberg e pioniere della ricerca tedesca sul trauma. “Ci sono già più di abbastanza persone psicologicamente traumatizzate. Le ferite psicologiche della prostituzione sono evitabili, dice Seidler, uno dei primi 90 firmatari dellappello EMMA per fermare la prostituzione.

“La prostituzione è violenza, non è una professione!” aggiunge il Prof. Wolfgang U. Eckart, direttore dell’Istituto per la Storia e l’etica della medicina a Heidelberg, in un articolo pubblicato sulla rivista Trauma e violenza. Egli sostiene: C’è molta poca libertà nella prostituzione nel suo complesso, e niente nella prostituzione mediata. Perché la notevole asimmetria di potere e la potenziale violenza nel rapporto tra il mediatore e chi esercita, in questa forma antica di riduzione in schiavitù delle donne, genera relazioni di dipendenza, le quali quasi automaticamente producono tutte le facciate e gli sfondi atti alla pratica di ogni genere di violenza traumatizzante.”

La Dott.ssa Ingeborg Kraus è l’iniziatrice della protesta dei terapeuti. La terapeuta del trauma di Karlsruhe ha lavorato con le vittime degli stupri di guerra in Bosnia e, dopo il suo ritorno alle cliniche tedesche, ha compreso: Anche qui ogni paziente di sesso femminile ha sperimentato la violenza sessuale“. Ad un certo punto, la Kraus si è stancata di limitarsi al compito costante di rimetterle di nuovo insieme”. Si è ripromessa: “Voglio lavorare per prevenire!” Anche per lei, la lotta contro la prostituzione è parte della prevenzione: Nei miei lunghi anni di esperienza psicoterapeutica, ho accompagnato le prostitute e ho studiato il loro background. Mi è diventato chiaro che la prostituzione era, in ogni caso, la prosecuzione delle esperienze di violenza vissute.

Michaela Huber può solo confermare, grazie alle sue esperienze terapeutiche e quelle di “molti, molti colleghi“, che “Chi accetta l’idea di vendere il proprio corpo? Il prerequisito è essere alienati da quel corpo ” e prosegue: “Bisogna immaginarlo: lasciarsi penetrare, ancora e ancora. Bisogna averlo sperimentato, o non si può tollerare. Non rimane che un guscio, che può ancora passare attraverso certi movimenti, certi gesti.

Questo proiettarsi-fuori-da-sé la dissociazione, in gergo specialistico è appresa presto dalle vittime di violenza. Non a caso, gli studi dimostrano che la maggior parte delle donne (e gli uomini) coinvolti nella prostituzione hanno subito abusi sessuali o altre forme di violenza traumatica, ad esempio l’abbandono, quando erano dei bambini.

Il traumatologo Lutz Besser chiede un ripensamento dell’accettazione della prostituzione. Egli teme che “siamo in pericolo di scivolare in un‘era glaciale dell’etica. La morale è una parte, dice Besser Ma l’etica pone anche la domanda: che cosa succede a un’altra persona se faccio qualcosa?” Questa domanda, però, è una di quelle che il cliente non si pone. Gli uomini che vanno a prostitute non si rendono conto che la maggior parte delle donne in questo commercio lo fanno sotto pressione e coercizione. Una società che legittima questo, esige che si accetti che la prostituzione sia la cosa più normale del mondo , dice il terapeuta. E ‘uno scandalo che noi come società non assumiamo una posizione chiara su questo!”

A Berlino i politici sono attualmente alla ricerca di consigli. Non solo a proposito di come la prostituzione dovrebbe essere regolamentata giuridicamente; essi dovranno anche decidere come la nostra società si colloca nei suoi confronti: se la prostituzione debba continuare ad essere un lavoro come un altro o se la prostituzione è contro la dignità umana e distrugge gli esseri umani. I terapisti firmatari sperano che i politici non si limitino a consegnare loro persone ancora più traumatizzate, ma si decidano per la prevenzione.

Per approfondire:

Trauma and Prostitution: Scientific Texts

La Germania, il più grande bordello d’Europa

Info sulla prostituzione

Resistenza femminista

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in in the spider's web, interculturalità, le persone che stimo, riflessioni, scienza, società e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Scienziati per un mondo senza prostituzione

  1. mario dainelli ha detto:

    la prostituzione pensata come “un lavoro come un’altro” non è altro che il compimento di una prevaricazione che attraversa tutto il nostro modo di concepire i rapporti di disuguaglianza che sono al fondo del nostro essere…

  2. Pingback: Loverboy. ( il sottobosco, della prostituzione in Germania. ) | Un disinvolto mondo di criminali

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...