Federico nel cuore – il 25 febbraio a Roma

federico_convegnoIl 27 gennaio 2015 si è chiuso, con sentenza di assoluzione, il terzo grado del processo che vedeva imputati gli operatori sociali del Comune di S. Donato milanese, accusati di non aver vigilato sulla protezione del piccolo Federico Barakat, di 8 anni, ucciso dal padre all’interno del centro socio sanitario di via Sergnano nel corso di un incontro “protetto”.

A sei anni dalla sua morte, in attesa del convegno organizzato dalla madre Antonella Penati, colgo l’occasione per ricordarvi che l’abuso del termine “bigenitorialità”, in un contesto culturale che minimizza il fenomeno della violenza di genere intrafamiliare, può tradursi in tragedia; a tal proposito vi consiglio la lettura dell’appello per il diritto del minore all’ascolto e alla tutela dalla violenza proposto da due delle relatrici, la pediatra Maria Serenella Pignotti e la psicologa Elvira Reale, e vi invito a riflettere sul fatto che l’assoluzione di chi era stato investito dell’onere di tutelare Federico non è solo un’ingiustizia, ma un precedente che sancisce l’impunità di chi è deputato a decidere della vita di quelle vittime di abusi che invocano l’intervento delle istituzioni.

Per approfondire:

Che cosa possiamo fare per Antonella Penati

Federico Barakat e la cronaca di una morte annunciata senza giustizia

Storia di Federico, ucciso da suo padre in un colloquio «protetto»

Federico Barakat se l’è cercata la morte, a 8 anni‏

Federico che in «quelle stanze» è stato lasciato solo

se le Istituzioni non proteggono i bambini

 

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in affido e alienazione genitoriale, attualità, notizie, riflessioni, scienza, società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Federico nel cuore – il 25 febbraio a Roma

  1. primavera ha detto:

    Io ci sarò!!!Dovremmo essere migliaia a gridare contro questa sentenza e a dare solidarietà a questa incredibile mamma.
    non possiamo permettere alle istituzioni di continuare a farci a pezzi impunemente.
    io il 25 febbraio sarò lì e nonostante le difficoltà per il lavoro prenderò un giorno di ferie. È un dovere morale. Grazie per avermi informata!

  2. ladymismagius ha detto:

    Scusami l’OT, ma volevo dirti che essere seguita da te è un grande onore, che ne sono felice e che ti ringrazio per il lavoro splendido che fai su questo blog! ^^

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...