Gli stereotipi di genere e il rispetto

Le compagnie più piacevoli sono quelle nelle quali regna, tra i componenti, un sereno rispetto reciproco. (Johann Wolfgang Goethe, Le affinità elettive)

TORO SEDUTO

Quando mio figlio frequentava la scuola materna era iscritto ad un corso di nuoto.

Aveva forse 4, o 5 anni – non ricordo di preciso – quel giorno che entrando nello spogliatoio della piscina l’ho visto che si stava azzuffando con un altro bambino. Io e la mamma di questo bambino siamo corse a dividerli, quindi abbiamo cercato di capire perché se le stessero dando di santa ragione.

A causare la lite era stato il fatto che mio figlio, per tutto il tempo, si era rivolto a quel bambino al femminile, chiamandolo bambina; insisteva che il suo intento non era affatto prenderlo in giro, perché lui in realtà era una lei: ne era proprio convinto. Lo scambio di battute fra i due era più o meno questo: “Mi chiamo Michele e sono un maschio!”, “No, tu sei una bambina!”.

La mamma di Michele allora ha chiesto a mio figlio il perché di tanta sicumera, e mio figlio ha risposto: “I maschi non hanno le trecce!”

Il bambino in questione, infatti, aveva una lunga treccia che gli scendeva dietro la schiena.

Allora questa mamma ha sfilato il costume a Michele: “Visto? E’ un  maschio.”

Quel pomeriggio io e mio figlio siamo andati a prenderci un gelato e, seduti ad un tavolino che dava sulla piazza, ci siamo messi ad osservare la gente che passeggiava. Gli ho indicato tutti gli uomini con i capelli lunghi che passavano, e anche le donne con i capelli corti,  spiegandogli che non è da un simile dettaglio che si può definire “maschio” o “femmina” una persona. Gli ho anche spiegato che anche se prima di quel giorno non aveva mai incontrato un maschio con le trecce, questo non avrebbe dovuto farlo giungere alla conclusione che ai maschi la treccia è preclusa, perché ognuno è libero di pettinarsi come preferisce – o di indossare quello che preferisce – e in ogni caso non è educato attribuire a qualcuno un genere quando quella persona sostiene di appartenere ad un altro.

Quel giorno, in un modo credo appropriato alla sue età, ho affrontato con mio figlio il problema degli stereotipi di genere, cioè quell’insieme di caratteristiche che viene arbitrariamente attribuita alle donne e agli uomini sulla base del loro sesso biologico, che ci rimanda un’immagine semplicistica ed errata della realtà.

Vi racconto questa storia perché spero che aiuti a chiarire il nesso fra gli stereotipi di genere e il rispetto.

Premetto che con “rispetto” intendo quel sentimento che ci permette di astenerci da qualsiasi comportamento lesivo nei confronti degli altri.

Semplificare la realtà attraverso l’uso degli stereotipi è un processo cognitivo che gli individui adottano per mettere ordine, a fronte di un mondo fatto di differenze e di relazioni sociali complesse.

Produrre semplicità e ordine inevitabilmente produce la perdita di quei dettagli e la ricchezza di quelle sfumature che spesso sono capaci di fare la differenza nella valutazione delle cose.

Per mezzo degli stereotipi un certo numero di caratteristiche – anche di tipo psicologico o attinenti a qualità morali e a giudizi di valore – vengono attribuite a determinati gruppi sociali ed estese, indifferenziatamente, a tutti i loro membri. Questo comporta la creazione, sulla base di quelle caratteristiche, di una differenziazione tra Noi e Loro, ovvero il gruppo cui si sente di appartenere, e gli altri, quelli che non sono come Noi.

Noi, i maschi, Loro le femmine: una differenziazione che a volte si traduce in Noi – che siamo migliori – e Loro – che ci sono inferiori.

Spesso e volentieri, chi etichetta le persone sulla base degli stereotipi di genere finisce col fare del male a Loro, tutti quelli che non appartengono al gruppo Noi.

Spesso e volentieri, etichettare le persone sulla base degli stereotipi di genere comporta il fare del male a quelli che non sono “abbastanza Noi”, cioè non corrispondono all’immagine di cosa dovrebbe o non dovrebbe essere un maschio, e cosa dovrebbe o non dovrebbe essere una femmina.

Proprio come ha fatto mio figlio, quando si è messo a picchiare un bambino perché aveva i capelli lunghi.

Per tanto ritengo che chi se la prende con chi vuole aiutare i bambini ad andare oltre le semplificazioni, a comprendere che appartenere ad un Noi non implica il disprezzare Loro e che all’interno di ogni Noi ci sono molte differenze che gli stereotipi occultano, non sta “proteggendo” i bambini, ma sta negando loro l’opportunità di imparare a trattare l’altro da sé con rispetto.

A volte, per imparare a rispettare gli altri, è utile “mettersi nei loro panni”.

ozgecanicinminietekgiy-5

E se l’idea vi atterrisce e vi disgusta, forse dovreste chiedervi se non sono quei panni, o chi li indossa, a disgustarvi, e se il problema di fondo è che non avete rispetto per quelli che non sono come voi.

Per approfondire:

Il gioco del rispetto

Precisazione della Vicesindaca Fabiana Martini sul “gioco del rispetto”

Il rispetto che non piace

L’ideologia del gender…o l’ideologia della mistificazione?

Cosolini: “Il gioco insegna l’uguaglianza. Falsità vergognose”

Advertisements

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, le persone che stimo, notizie, politica, riflessioni, società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Gli stereotipi di genere e il rispetto

  1. Paolo ha detto:

    nella nostra società non mancano uomini coi capelli lunghi (di cui nessuno si sogna di mettere in dubbio la virilità) ci sono anche fra le nostre icone (pensa a Gesù) in effetti però gli uomini con le trecce sono statisticamente pochi (se fossimo in Giamaica o tra i dothraki sarebbero di più) ma hai fatto bene a spiegare a tuo figlio che esistono e ciò non pregiudica l’appartenenza al genere maschile.
    Quanto al “gioco del rispetto” e alle polemiche attorno ai “travestimenti” (cose normali in un contesto di gioco e divertimento) sospetto che qualche confusione (alimentata dalla stampa) sia nata alla notizia che i giochi prevedevano che i bambini si vestissero da strega e le bambine da cavaliere. Sospetto che se avessero scritto che i bambini potevano vestirsi da stregone e le bambine da cavaliera o condottiera (da Giovanna D’Arco a Lady Oscar simili figure non mancano nella storia e nell’immaginario) forse sarebbe stato meglio e non ci sarebbero state inutili paranoie da parte di alcuni genitori

    • Paolo, ma perché se una bambina si veste da Zorro che succede? Le spunta il pene?

      • Paolo ha detto:

        Certo che no,il travestimento in un contesto di gioco d’infanzia è normale, infatti queste sono tutte paranoie reazionarie, come ho detto
        “se fossimo in Giamaica o tra i dothraki sarebbero di più” o tra i nativi americani come dice la bellissima immagine.

      • IDA ha detto:

        Io volevo vestirmi da Zorro.. in quel periodo tutti i bambini erano vestiti da Zorro.. ma mi toccò fare Colombina o roba del genere.. è stata l’unica volta che mi sono vestita per carnevale.. da allora mi sono sempre rifiutata, se non dopo l’esame di maturità che mi feci i capelli azzurri, tornata a casa mia madre si mise a piangere.. -oltre ad avere una figlia grulla mi è diventata anche punk-… sentenziò mio padre. 🙂
        Dimenticavo, per la festa dell’ultimo dell’anno, anni fa, i miei figli erano piccoli, prima si iniziò noi adulti a vestirsi, gli uomini con abiti femminili e le donne con quelli maschili, (il problema sono le scarpe) di conseguenza anche i bambini.. si sono talmente divertiti che i miei figli se lo ricordano ancora.. Da notare che gli uomini vestiti da donna, fanno ridere, ed esagerano in certi atteggiamenti come per rimarcare che è solo un gioco, e che non è compromessa la loro eterosessualità. Per le donne è più normale.. Comunque l’orientamento sessuale dopo il travestimento è rimasto inalterato.. 🙂
        Una mia amica spesso dice: Si sono lesbica, ma niente paura, è come l’intelligenza, non si attacca. il morbillo si.

      • Ho scritto Zorro perché il costume da Zorro è l’unico che la mia mamma abbia mai avuto da bambina…

      • IDA ha detto:

        Fortunata tua madre.. 🙂 ma forse no, lei voleva vestirsi da altro..

      • Mia mamma adora Zorro ancora oggi 🙂 E all’epoca nessuno ancora si era inventato la fandonia dell’ “ideologia del gender”.

      • IDA ha detto:

        A me invece mi sono toccati dei precursori, a scuola, perchè stò parlando dei primi anni delle elementari.. una maestra che ci diceva a noi bambine che bisognava guardarci le punte delle scarpe.. era un’integralista della separazione di genere..

    • Paolo ha detto:

      “non mancano uomini coi capelli lunghi (di cui nessuno si sogna di mettere in dubbio la virilità”
      e va da sè ci sono anche fior di donne con capelli di ogni lunghezza di cui nessuno mette in dubbio l’appartenenza al genere femminile

  2. Vale ha detto:

    Fai te che io frequento solo metallari. Come dico sempre, “se non hanno i capelli lunghi, non sono uomini” 😀
    [Riccio, puoi correggere il mess di prima con questo? Il cell si era mangiato una parola, grazie]

  3. Maura ha detto:

    Che poi, quando io ero giovane, i capelli lunghi erano di sinistra, le teste rapate dei fascisti. La quasi totalitá degli uomini che ho frequentato, gli attori più belli, i cantanti più fighi portavano i capelli lunghi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...