La vita di una bambina è a rischio

navarroOpera di Rafael Navarro

Dal sito di Amnesty International:

La vita di una bambina di 10 anni, che è rimasta incinta dopo essere stata violentata dal patrigno, è in pericolo. Nonostante l’elevato rischio che questa gravidanza comporta e la richiesta di sua madre, non le è concesso di abortire.

Il 21 aprile una bambina di 10 anni si è presentata con la madre all’Hospital Materno Infantil de Trinidad di Asunción, capitale del Paraguay, lamentando un mal di stomaco. La visita medica ha stabilito che si trovava alla 21esima settimana di gravidanza. La gravidanza  è il risultato della violenza sessuale del patrigno.

Il direttore dell’ospedale ha pubblicamente riconosciuto che la gravidanza della ragazza è ad alto rischio, nonostante la ragazza sia in buone condizioni di salute. Pochi giorni dopo il pubblico ministero ha ordinato che la ragazza  venisse ammessa all’Hospital de la Cruz Roja per essere monitorata.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e gli operatori sanitari di tutto il mondo concordano sul fatto che la gravidanza comporta rischi specifici per le ragazze i cui corpi non sono completamente sviluppati e che il rischio per la loro vita è maggiore. Pertanto tutte le opzioni, compreso l’aborto, devono essere rese disponibili.

Il 28 aprile la madre della ragazza ha presentato una richiesta (carta administrativa) all’ospedale chiedendo l’aborto per la sua bambina. Nulla indica che l’ospedale stia prendendo in considerazione l’aborto per garantirle la sopravvivenza. Al contrario, secondo le ultime notizie, la bambina verrà inviata in un centro per giovani madri (centro de Niñas Madres).

In Paraguay l’aborto è legale quando la vita della madre è a rischio. Secondo la Convenzione sui diritti del fanciullo il superiore interesse del bambino deve essere sempre tenuto in considerazione e, ai sensi della Convenzione, gli Stati debbono di garantire l’accesso all’aborto in circostanze come questa.

COME PUOI AIUTARE

Si prega di scrivere immediatamente in spagnolo o nella vostra lingua:

Invitando le autorità del Paraguay a salvare la vita di questa bambina di 10 anni, incinta a seguito dello stupro del patrigno, concedendole l’aborto, come richiesto da sua madre;
ricordando loro che una gravidanza comporta rischi specifici e conseguenze a lungo termine per la salute fisica e mentale delle bambine;
invitando le autorità ad effettuare un’indagine imparziale sullo stupro della bambina per individuare i responsabili della violenza da lei subita.

Qui gli indirizzi.

Non appelliamoci ai diritti dei bambini non nati, quando ci sono dei bambini già al mondo che rischiano la vita a causa della crudeltà degli adulti.

Per approfondire:

Amnesty International claim treatment of 10-year-old girl raped by her stepfather but denied abortion is ‘tantamount to torture’

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in in the spider's web, interculturalità, notizie e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...