Invertire la causa con l’effetto, il tutto condito con un po’ di “raptus”

Oggi, grazie ad un articolo pubblicato da Il Giorno, torneremo a parlare di uno dei miti più diffusi nelle narrazioni che riguardano le coppie in crisi e l’affidamento dei bambini: la storia delle madri che impediscono ai “poveri papà” di esercitare il loro diritto di stare con i propri figli.

legnano1

La vicenda: un padre separato va a prendere il figlio, ma poiché è visibilmente ubriaco, la moglie si rifiuta di lasciarlo andare via con il bambino. La donna chiama la Polizia, che, resasi conto dello stato dell’uomo, cerca “di convincerlo che è meglio se il bimbo sta con la mamma“. L’uomo aggredisce a calci e pugni la Volante, e viene condotto in commissariato.

Non è la prima volta che la Polizia ha a che fare con questo papà, che “ha collezionato svariate denunce“:

legnano2

Tenendo conto del fatto che il lettore medio scorre il giornale più che leggerlo, è molto probabile che la sua informazione su molti argomenti derivi più dalla lettura del titolo che da quella dell’articolo.

L’articolo, sulla pagina facebook del quotidiano, appare così:

legnano_facebook

Andiamo quindi a leggere il titolo scelto per questa vicenda:

La ex moglie gli nega di vedere il figlio: (quindi lui) scatena l’inferno.

Sottotitolo:

Un raptus di follia dopo il rifiuto: vetrate distrutte e un poliziotto ferito.

A proposito del termine “raptus” vi pregherei di leggere un’intervista allo psichiatra Claudio Mencacci, che ci spiega: “Sotto il cappello del raptus, o alcune volte della follia, si mette la violenza inaudita, quella imprevista, impulsiva”… Un attimo: imprevista?

E’ davvero così imprevedibile che un uomo denunciato più volte per resistenza a pubblico ufficiale si scagli contro dei poliziotti? Io direi di no… Come non c’è bisogno di scomodare la “follia” per spiegare l’aggressività di un uomo in stato di ebbrezza (e molto probabilmente alcolista).

Possibile che ogni volta che la violenza è esercitata da un uomo contro donne e bambini si debba ricorrere al termine “raptus”?

Il titolo lascia intendere che l’uomo sia diventato “improvvisamente” rabbioso a causa dell’atteggiamento della ex-moglie; la decisione della donna è la causa, la violenza è la conseguenza.

Ma le cose non stanno così: è il comportamento irresponsabile dell’uomo che ha causato la presa di posizione della madre, che giustamente non può fidarsi a lasciare un bambino con un uomo in preda ai fumi dell’alcol.

Come ho avuto modo di dimostrare grazie ad altri articoli, questo genere di titoli solitamente scatena rabbiose reazioni contro la madre crudele che vuole privare un povero bambino del suo amorevole papà.

Mentre spesso questi titoli mascherano una realtà di papà tutt’altro che amorevoli e madri che io definirei prudenti e protettive.

 

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, in the spider's web, notizie, riflessioni, società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Invertire la causa con l’effetto, il tutto condito con un po’ di “raptus”

  1. Paolo ha detto:

    un altro “povero papà separato” ! 🙂

    su questi temi sono sempre d’accordo con te Riccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...