I Tribunali mettono in pericolo i bambini – prima parte

Lo scorso autunno ho pubblicato a puntate un’inchiesta giornalistica australiana che denunciava il fallimento dei tribunali nel riscontrare e comprendere in modo affidabile la violenza domestica e gli abusi sui bambini.

Quello che segue è un articolo di Laurie Udesky sulla situazione negli USA, dove il movimento delle Battered Mothers da anni manifesta contro un sistema pesantemente viziato dal pregiudizio di genere, a causa del quale sempre più bambini vengono sottratti al cosiddetto “protective parent” per venire affidati in via esclusiva a genitori sui quali gravano prove di abusi e violenze.

L’originale è consultabile qui: Custody in Crisis: How Family Courts Nationwide Put Children in Danger.

Sei anni fa, nel 2010, una corte d’appello nel Tennessee ha confermato una sentenza del tribunale della famiglia che aveva concesso a Darryl Sawyer l’affido esclusivo del figlio di sei e mezzo, Daniel. (Tutti i nomi dei familiari coinvolti nei casi menzionati in questo articolo sono stati modificati per proteggere la privacy dei bambini.)

Il giudice ha deciso a favore di Sawyer nonostante le prove che aveva perpetrato abusi sessuali presentate dalla sua ex moglie.

Tre anni prima, Daniel era tornato da una visita dal padre con dei lividi sospetti. La madre, Karen Gill, aveva immediatamente portato il bambino di tre anni dal suo pediatra. “La tua prima reazione istante è negare che sia quello che sembra essere”, ha raccontato Gill, soffocando le lacrime che premevano per uscire al ricordo “Speri davvero che ci sia un altro motivo a giustificazione di quei segni su di lui”.

Ma il dottore, Victoria Rundus, confermò le peggiori paure di Gill. La dottoressa Rundus riferì al Dipartimento dei Servizi sociali del Tennessee che aveva riscontrato delle contusioni blu-rossastre sui glutei del bambino, compatibili con l’azione di un adulto che “aveva tenuto forzatamente aperte le natiche”. Gill ha così avviato una lunga e dura battaglia – che continua ancora oggi – per proteggere il figlio.

Gill aveva previsto la reazione del suo ex marito, ma rimase sorpresa e scioccata quando si trovò a dover affrontare un ben più arduo ostacolo alla sicurezza del figlio in tribunale.

Dal momento in cui il caso è stato portato davanti ad un giudice del tribunale della famiglia del Tennessee nel 2008, anche il Dipartimento dei Servizi Sociali ha svolto le sue  indagini stabilendo che Sawyer era colpevole di abusi sessuali sul figlio.

Tuttavia, il giudice ha concesso l’affido esclusivo a Sawyer, avvertendo Gill che, se avesse voluto ottenere il diritto di visita senza restrizioni con suo figlio, avrebbe dovuto smettere di parlare con il bambino dei presunti abusi perpetrati dal padre. Inoltre, avrebbe dovuto smettere di portare il figlio dal medico per far esaminare i segni di abusi.

Perché la corte ha affidato il bambino al padre nonostante le prove concrete di abusi? Abbiamo scoperto che il tribunale si è affidato alle raccomandazioni di William Bernet, psichiatra e consulente tecnico del Tribunale. [Bernet] Ha convinto la corte a ignorare la documentazione medica, affermando che Sawyer non era un pedofilo o un molestatore e Daniel doveva essere affidato a lui.

Altri fattori hanno avuto il loro peso nella decisione del tribunale. Gill aveva già cercato di limitare l’accesso di Sawyer al ragazzo sulla base di accuse che il giudice riteneva infondate. I sospetti di Gill furono suscitati, disse, perché Sawyer le aveva raccontato di una storia familiare di incesto. Temeva che Sawyer a sua volta avrebbe abusato dei propri figli. Altre accuse comprendevano commenti del suo ex marito a proposito di “Satana che gli parlava”, abusi fisici e verbali contro di lei e minacce di suicidio. Nessuna di queste accuse, ha detto il giudice, si poteva provare.

Il dottor Bernet ha rifiutato di commentare il caso.

Il caso di Daniel non è unico.

Nei tribunali della famiglia in tutto il paese, la prova che uno dei genitori ha sessualmente o fisicamente abusato di un bambino viene regolarmente respinta. Invece, ai responsabili degli abusi sono spesso concesse visite non supervisionate o l’affido congiunto o esclusivo dei bambini che hanno abusato, una situazione che mette in grave pericolo i bambini, sostengono gli avvocati che li difendono.

La nostra indagine, durata due anni, che comprende interviste con più di 30 genitori e sopravvissuti in California, Ohio, North Carolina, New York, Georgia, Texas, Tennessee, Maryland e New Jersey, ha svelato storie di bambini spediti a soffrire anni di abusi nella paura e nel silenzio, mentre i genitori che hanno cercato di proteggerli venivano spinti sull’orlo della rovina, finanziariamente e psicologicamente. Questi genitori vengono sempre più stigmatizzati da un sistema giudiziario che non solo non tiene in considerazione le prove degli abusi, ma accetta dubbie teorie che minano la credibilità dei genitori protettivi.

“I genitori protettivi chiedono alle autorità di intervenire e proteggere i loro figli e queste non lo fanno”, ha affermato Kathleen Russell, direttore esecutivo del Centro per l’Eccellenza Giudiziaria (CJE) della California, un comitato di controllo che si concentra sui tribunali della famiglia.

In molti casi, le conseguenze sono state letali. I dati da soli, seppure incompleti, dipingono un quadro allarmante. Dal 2008 al 2016, 58 bambini sono stati uccisi dai genitori affidatari dopo che i tribunali di famiglia dello stato hanno ignorato le accuse di abuso da parte dell’altro genitore, secondo un’analisi delle notizie condotta dal CJE. In tutti i casi tranne sei, i genitori protettivi erano madri che avevano avvertito i tribunali che i loro figli erano in pericolo a causa dei padri maltrattanti, i quali poi li hanno uccisi.

“Le autorità accusano i genitori protettivi e li patologizzano, e i loro figli finiscono per morire”, ha detto Russell.

Come i tribunali della famiglia arrivano a prendere simili decisioni?

“Con la stessa quantità di prove, un tribunale penale una giuria giungerebbe ad una condanna oltre ogni ragionevole dubbio”, ha detto l’avvocato Richard Ducote, che rappresenta i genitori protettivi che cercano di ottenere la custodia dei loro figli. “E il tribunale di appello sosterrebbe la condanna e la sentenza.”

Ma i tribunali di famiglia lavorano in modo diverso, ha spiegato Ducote, che ha lavorato anche come Sostituto procuratore distrettuale in Louisiana per i casi di revoca dei diritti di tutela dei minori. In teoria dovrebbero considerare in primo luogo il migliore interesse del bambino. Ma in pratica, spiega Ducote: “Sono preoccupati della riduzione del conflitto [all’interno della famiglia] e passare oltre, il che può andar bene, a meno che non ci sia qualcuno dal quale il bambino dovrebbe essere protetto”.

I documenti giudiziari sono spesso sigillati, una pratica intesa a proteggere la privacy dei bambini. Tuttavia, come dimostra questa indagine, è una pratica che può mettere i bambini maggiormente in pericolo, impedendo una sorveglianza esterna.

Inoltre, l’elevato costo delle controversie pone un enorme ostacolo per la maggior parte dei genitori che combattono per proteggere i loro figli. Ci sono poche ricerche sui costi giudiziari, ma un’analisi preliminare di un’indagine nazionale su 399 genitori protettivi di Geraldine Stahly, professoressa emerita di psicologia presso la California State University di San Bernardino, ha dimostrato che per circa il 27 per cento di questi genitori che hanno infine dichiarato fallimento, i costi ammontavano a circa $ 100.000.

Nessuna agenzia governativa a livello nazionale tiene traccia del numero dei bambini che i tribunali di famiglia affidano ai loro maltrattatori e la ricerca accademica esistente è in gran parte regionale. Gli avvocati hanno cercato di quantificare il fenomeno raccogliendo dati da diverse fonti. Si stima che per almeno 58.000 bambini all’anno si stabiliscano visite non protette con genitori maltrattanti. Un’analisi del 2013 del Journal of Family Psychology ha citato studi che dimostrano che, ovunque, tra il 10 e il 39 per cento degli abusanti ha ottenuto l’affido esclusivo o condiviso dei figli.

Per quanto difficile sia ottenere dati certi sul fenomeno, i funzionari governativi di alto livello riconoscono la vastità del fallimento del sistema. “È una situazione terribile”, ha dichiarato Lynn Rosenthal, che è stata Advisor on Violence Against Women presso la Casa Bianca dal 2009 al 2015. Prima di lavorare alla Casa Bianca, Rosenthal si è personalmente resa conto della portata del problema lavorando per diverse organizzazioni dedicate alla tutela di donne e bambini. “Lo abbiamo visto in tutto il paese”, ha dichiarato.

Nel denunciare il sospetto abuso da parte del suo ex marito, Gill incorse in un ostacolo inaspettato. Bernet e il suo collega, James Walker, dichiararono in una relazione comune di aver valutato Sawyer per mezzo di una serie di test. Hanno sostenuto che Sawyer era risultato come “basso rischio” per i reati sessuali e che non era un pedofilo. Questi test includevano un sex offender risk test conosciuto come Static-99, il Minnesota Sex Offender Screening Tool, la Sex Offender Risk Scale e l’Abel Exam for Sexual Interest.

Ma secondo Anna Salter, PhD, che ha condotto ricerche sui reati sessuali per due decenni, usare questi strumenti in un tribunale della famiglia non ha senso. “Non possono essere usati per determinare se qualcuno è un molestatore di bambini”, ha spiegato Salter, autrice di “Predators: Pedophiles, Rapists and Other Sex Offenders” e consulente presso il Wisconsin Department of Corrections. Invece, ha detto, i test sono stati creati per valutare le persone già condannate per molestie sui bambini allo scopo di determinare la probabilità di recidiva del reato. L’esame Abel, che esamina l’interesse sessuale nei confronti dei bambini, non produce risultati significativi, ha aggiunto: “Si basa su quanto tempo ti soffermi sulle immagini dei bambini. Ormai ci sono siti che spiegano come imbrogliare, basta guardare altrove”.

Al di là delle prove, Bernet ha anche scritto che Gill, non Sawyer, stava causando danni al figlio. “Dal 2003 [Gill] presenta tratti della personalità tipici di genitori che producono false accuse di abuso sessuale”, come “essere fortemente critica” nei confronti di Sawyer. Bernet attribuì anche a Gill “tendenze narcisistiche”, affermando che “sembra non comprendere i forti sentimenti e le motivazioni che sono alla radice della sua determinazione nell’accusare [Sawyer] di essere un molestatore di bambini”.

Tra le sue più grandi preoccupazioni, ha scritto Bernet, c’era il fatto che se a Gill fosse permesso di continuare a interrogare suo figlio sulle azioni del padre, avrebbe “indotto [Daniel] a condividere le sue false credenze”.

Bernet ha respinto l’affermazione di Daniel che suo padre aveva “messo un bastone nel mio sedere”, scrivendo che il bambino aveva costruito una storia fantastica su richiesta di sua madre. Inoltre, ha sostenuto che i colloqui con i Servizi Sociali non hanno dimostrato che Daniel fosse “in grado di dare una descrizione semplice e coerente di un evento passato”. Dei lividi sui glutei del bambino, Bernet ha scritto che Sawyer ha dichiarato di ritenere che se li era procurati sugli scivoli d’acqua dei due parchi acquatici che lui e Daniel avevano visitato per due giorni di fila. La sua accettazione della spiegazione di Sawyer come vera sembra ignorare la descrizione del medico che nelle carte processuali parla di contusioni “a forma di impronte” che erano “all’interno delle natiche di Daniel”.

Nel 1996, una task force presidenziale ha rilevato una “mancanza di dati a supporto” della diagnosi della sindrome di alienazione genitoriale. Citando questa relazione, l’American Psychological Association nel 2008 ha rifiutato di prendere posizione sulla “presunta sindrome”.

Bernet, però, rientra in quel gruppo di professionisti del tribunale della famiglia che cerca di ottenere che la PAS venga accettata come un disturbo riconosciuto nel Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM), la bibbia dei professionisti della salute mentale. Finora, lui e gli altri sostenitori della PAS non hanno ottenuto questo risultato. Bernet ha dichiarato in un’intervista che “non ci sono le parole nel DSM-V [l’ultima versione], ma il concetto c’è”, indicando quelle che descrive come tre nuove diagnosi che presentano le caratteristiche della PAS.

Dott. Darrel Regier, vice presidente della task force DSM-V, ha affermato che il DSM riconosce che l’alienazione può figurare nelle dinamiche di relazione. Ma “siamo stati molto attenti a non includere una diagnosi di PAS“, ha dichiarato, aggiungendo che “anche la comunità internazionale non accetta la PAS come diagnosi”. Per quanto riguarda la sua utilizzazione nel tribunale della famiglia per contestare gli abusi, ha detto: “Se c’è prova di abuso, allora è quello che dovrebbe guidare i tribunali”.

Il National Council of Juvenile and Family Court Judges avverte “di non accettare testimonianze relative alla sindrome di alienazione genitoriale o PAS” nelle controversie per l’affido, in accordo con le linee guida Child Safety in Custody Evaluations. Aggiunge: “La teoria che ipotizza l’esistenza della PAS è stata screditata dalla comunità scientifica”.

Molti tribunali hanno tuttavia prestato poca attenzione a queste raccomandazioni.

 

Per approfondire:

I miti sul divorzio che mettono a rischio i bambini – mito 1

I miti sul divorzio che mettono a rischio i bambini – mito 2

I miti sul divorzio che mettono a rischio i bambini – mito 3

I miti sul divorzio che mettono a rischio i bambini – mito 4

I miti sul divorzio che mettono a rischio i bambini – mito 5

Alienazione genitoriale e DSM 5

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in affido e alienazione genitoriale, dicono della Pas, giustizia, interculturalità, notizie, politica, riflessioni, società e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...