Un milligrammo di differenza

Da anni seguo il blog Lunanuvola e ne condivido i contenuti.
Ora, se ci provo, un messaggio mi avvisa che non è più possibile “per la presenza di contenuti segnalati come offensivi da altri utenti di Facebook.”
Invito tutti i miei lettori a sincerarsi che di offensivo, nel blog, non c’è proprio niente, e ad inviare una segnalazione al centro assistenza del social network al fine di sbloccare questa incresciosa situazione.
Tutta la mia stima a Maria G. Di Rienzo, che è sempre stata e rimane una grande fonte di ispirazione, per me.

Lunanuvola's Blog

Mie care e miei cari, oggi ho scoperto – grazie all’uomo di casa – che siete state/i tutti “puniti” da Facebook per aver condiviso tramite le vostre pagine articoli di questo blog. Non potete più farlo, infatti: se ci provate vi sarà detto che il mio spazio qui non risponde agli standard di FB.

Ho dato un’occhiata agli “standard” per precauzione (io non ho un account e non lo avrò mai), ma sapevo già che non avrei trovato NIENTE nei miei scritti o nelle mie traduzioni che potesse contravvenirli e infatti NIENTE c’è.

So anche, dalle esperienze altrui, che basta avere un amico fra i “controllori” di un social media o organizzare un po’ di segnalazioni farlocche per ottenere il bando: Facebook, sebbene abbia detto in passato che l’andazzo sarebbe cambiato, non verifica se le segnalazioni abbiano fondamento o no.

La cosa è vieppiù ridicola se si considerano il volume…

View original post 142 altre parole

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, in the spider's web, le persone che stimo e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Un milligrammo di differenza

  1. Antome ha detto:

    Ma funziona anche con i blog Mra e red pill? E quelli sessisti e razzisti?

  2. Morgaine le Fee ha detto:

    Il blog di Lunanuvola é uno dei migliori blog femministi attualmente in circolazione.
    È disgustoso che ci siano individui che hanno cercato di ostracizzarlo tramite Facebook (altro social dalla policy e condizioni detestabili, da cui sono uscita un paio di anni fa).
    Tutta la mia solidarietá a Maria di Rienzo.

  3. SETTESAVI & TRONFIOPERDENTE ha detto:

    Riccio, ma tu non dici quanti post di satira -sia pure ignobili per te- hai censurato a me e, ritengo, ad un bel po’ di altre persone?

  4. Antome ha detto:

    Una curiosità Riccio, come mai continuano ad essere condivisibili su Facebook post di il primate nazionale, se questo è basato su segnalazioni per contenuti offensivi?
    Non mi dire che il femminismo genera più indignazione di omofobia, razzismo e xenofobia superando così di gran lunga il loro numero di segnalazioni, ma è un’ipotesi che spero di poter scartare…

  5. Antome ha detto:

    Forse è Ot, ma una cosa che ho notato dei manospheriani è una sorta di bipensiero, ad esempio sulla “mascolinità tossica”, la reazione alla campagna Gillette. C’è una divisione evidente ma l’unione contro il femminismo prevale. Una corrente risponde che è come presumere una natura maschile malvagia e sarebbe la stessa cosa dire alle donne di smettere di fare le puttane e farsi mantenere, cose così. E a questi sfugge la componente di critica alla cultura ed alle aspettative di genere nocive. Un’altra dice che vuol dire castrare gli uomini o che le donne stesse si aspettano questi comportamenti e stanno tranquillamente più con uomini che li esibiscono che con altri, ma che effettivamente la mascolinità è questo e non è colpa loro e comunque è necessaria per la società mentre idee alternative sono perdenti.
    Poi c’è chi risponde che non ci si vuol far dire dalle donne come un maschio deve essere, il che è una cosa ironica, perchè la critica non è alla mascolinità ma ad un modello, appunto al farsi dettare da altri come deve essere un uomo ed il legare la definizione di mascolinità ad un modello eterodiretto.
    Sono tutte legate al fraintendimento, manco a dirsi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...