Il sesso: uomini e donne

troia

Il fatto che un uomo collezioni partner sessuali con disinvoltura è considerato un comportamento socialmente accettabile e viene comunemente descritto come un effetto di quelle differenze biologiche che segnano il confine fra un genere e l’altro.

E’ opinione diffusa che il “vero” maschio sia quello che ci prova con tutte, mentre spesso e volentieri una donna che “ci prova” e/o conduce una vita sessuale intensa e varigata è una troia o una “disperata”.

La sessualità degli uomini prevede che questi traggano immenso piacere da rapporti sessuali occasionali e senza complicazioni, meglio se con fanciulle graziose”,  ha scritto in calce ad un mio recente post uno dei miei più affezionati lettori (ciao Zorin! Lo dedico a te l’articolo di oggi ♥).

Il corollario di questa affermazione è: per le donne non è così.

Un recente studio intitolato Gender Differences and Similarities in Receptivity to Sexual Invitations: Effects of Location and Risk Perception sembra suggerirci invece che le donne siano interessate al sesso occasionale tanto quanto gli uomini, e che siano le pressioni sociali ad influenzare fortemente il loro comportamento.

Gli esperimenti condotti sono stati due.

Nel primo 6 uomini e 8 donne hanno avvicinato 162 uomini e 119 donne in luoghi pubblici (all’interno del campus universitario o di un locale notturno) chiedendo un appuntamento o avanzando avences sessuali. I ricercatori hanno rilevato una significativa differenza fra i generi: molti più uomini che donne si sono dimostrati disponibili ad accettare.

Nel  secondo esperimento 60 fra uomini e donne sono stati invitati in laboratorio grazie ad un annuncio che mascherava le reali finalità del progetto; ai soggetti selezionati sono state mostrate 10 immagini di persone di sesso opposto e sono stati informati che queste persone avrebbero acconsentito ad un appuntamento galante o erano disponibili ad avere rapporti sessuali. I partecipanti hanno poi potuto scegliere tra le immagini chi volessero incontrare. In questo ambiente più “sicuro”, la differenza di genere è scomparsa.

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in attualità, riflessioni, scienza, società e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

34 risposte a Il sesso: uomini e donne

  1. Dave Brick Pinza ha detto:

    Personalmente reputo che gli incontri sessuali occasionali siano disdicevoli sia per uomini che per donne. Ho sempre dato grande valore al sesso, un atto d’amore, e sono sempre stato innamorato delle mie partner. Detto questo, ognuno faccia come vuole ma io non mi fiderei molto di una persona con queste abitudini, difficilmente mi innamorerei conoscendo questo suo lato. Però nella vita si può sempre cambiare…..

  2. Paolo ha detto:

    ci sono donne a cui piace il sesso occasionale e donne a cui non piace così come uomini. E comunque anche da una storia di “puro sesso” può nascere una storia d’amore. Non è difficile da capire

  3. Nato Invisibile ha detto:

    carpe diem carpe noctem super omnia 😉

  4. primavera ha detto:

    Credo che il punto fosse :perché se un uomo ha avventure sessuali con 1000 donne è un vero uomo, mentre se una donna ha avventure con 1000 uomini è una poco di buono????
    Cercavamo di comprendere il perché ad essere giudicato sbagliato sia sempre il soggetto privo di pene…
    È chiaro che poi ognuno dovrebbe poter fare le esperienze che vuole senza che queste gli imprimano un’etichetta.
    È come nelle separazioni:se il padre ha un’altra donna va bene se la madre ha un’altro uomo no perché vuole sostituire la figura paterna..
    Mah!

    • Zorin ha detto:

      “perché se un uomo ha avventure sessuali con 1000 donne è un vero uomo, mentre se una donna ha avventure con 1000 uomini è una poco di buono”

      Ritengo ci siano due ragioni principali, entrambe di natura biologica:

      1) la produzione di ovuli nelle femmine e’ limitata in numero, la produzione di spermatozoi nei maschi e’ virtualmente illimitata (cioe’ c’e una sovrabbodanza di spermatozoi cosi’ enorme che questi non saranno mai scarsi). Questo implica che l’ovulo abbia un valore biologico ben superiore allo spermatozoo, per cui e’ naturale che le donne hanno la tendenza ad essere piu’ selettive degli uomini : i loro ovuli non li concedono certo al primo che passa !

      2) la madre e’ sempre certa, il padre e’ sempre incerto. Questo fatto biologico ha storicamente originato morali che condannano le donne libertine, le quali hanno a loro volta originato leggi e istituti tesi a vietare e colpevolizzare l’adulterio e il libertinaggio femminile

      • Ti faccio rispondere da un tuo collega di “pene” (intendo sofferenze, in questo pazzo pazzo mondo nazifemminista 😉 ): http://questouomono.tumblr.com/post/130671654372/questo-uomo-no-65-il-miss-understood

      • IDA ha detto:

        Zorin.. Iniziamo nel dire che la seconda ragione che hai elencato non è di natura biologica, ma culturale. Perché parli di morale, solo la presunta giustificazione è biologica o divina che poi è lo stesso in questo contesto. In più ti faccio notare che la prima esclude la seconda, o viceversa, perché se la donna è selettiva, non c’è nessun bisogno di una morale se c’è già la biologia. Se c’è stata la necessità di inserire una morale, vuol dire che la donna non è selettiva. In più la presenza di una morale denuncia un dominio, senza dominio, non si può creare nessuna morale.
        Nel primo dici che l’ovulo ha una produzione minore quindi ha più valore, conclusione, le donne sono selettive. La zoologia ci dice che non è sempre così, ci sono nella selezione sessuale anche comportamenti differenti, strategie differenti. Per esempio proprio perché l’ovulo ha più valore, bisogna essere più sicure della sua fecondazione e quindi la necessità di escludere la monogamia e di accoppiarsi con più partner possibili. Tra i primati la donna è l’unica femmina, ad avere orgasmi, e l’uomo, l’unico maschio tra i primati a non avere l’osso penico. In più la donna può avere orgasmi multipli e l’uomo dopo l’orgasmo è spossato e deve attendere per avere un nuovo rapporto. Alcuni ricercatori sostengono che l’orgasmi multipli e la propensione a fare molto rumore nel rapporto sessuale sia un richiamo per gli altri maschi a fare sesso, proprio perché l’ovulo ha un maggior valore e bisogna essere sicuri che non sia sprecato e che la fecondazione avvenga. Quindi non solo la donna non è selettiva ma nemmeno monogama, e questo spiega anche la morale del tuo punto due. Come vedi la biologia, zoologia, l’etologia ecc.. non sono scienze esatte, da un fenomeno si può arrivare a formulare ipotesi e tesi opposte.
        In più, le femmine delle scimmie antropomorfe, le specie più vicine a noi, non sono selettive e non sono monogame. Perché la specie umana deve essere diversa? In realtà nel sostenere che le donne sono selettive, c’è molta ideologia e poca scienza, perché si fa una comparazione del comportamento femminile con gli uccelli, (ricordo che il pavone è un uccello e Darwin parlava del comportamento selettivo della femmina del pavone e non dell’uomo.) La selezione sessuale proposta da Darwin il modello può essere ancora valido, ma i concetti sono superati da un secolo. Comunque, perché secondo l’etologia moderna, il comportamento della donna è comparato con quello delle femmine degli uccelli e quello degli uomini a quello dei mammiferi? Semplice, perché gli uccelli, secondo una classificazione ottocentesca sono nella scala evolutiva inferiori ai mammiferi, meno evoluti. Anche Darwin considerava la donna in uno scalino inferiore al maschio della specie umana.

      • Paolo ha detto:

        uomini e donne sono selettivi eccome, ciascuno di noi ha una serie di persone con cui non farebbe mai sesso (per motivi di attrazione fisica e/o altri). un uomo etero non farebbe mai sesso con tutte le donne del mondo nè una donna etero con tutti gli uomini stesso discorso per i gay, quindi tutti siamo selettivi.
        quanto alla monogamia, noto che oggi va di moda sputarci su ma uomini e donne monogami e mediamente felici e sono autentici come gli adulteri, le coppie aperte eccetera

      • IDA ha detto:

        Paolo.. in questo caso, non si parla di comportamenti sociali ma di selezione sessuale. Dal modello di Darwin, abbiamo la selezione naturale, che è la lotta di tutta la specie alla sopravvivenza e selezione sessuale che è la lotta dell’individuo a tramandare il proprio patrimonio genetico. Modello che prevede una lotta intrasessuale all’interno dello stesso sesso e intersessuale per la scelta del partner del sesso opposto. In alcune specie di uccelli con marcato dimorfismo sessuale, generalmente la femmina, è il sesso limitante, selettivo, quella chiamata a scegliere. Nei pavoni, il maschio si pavoneggia facendo la ruota e la femmina è chiamata a scegliere la ruota più bella per accoppiarsi per trasmettere non tanto il migliore patrimonio genetico, ma i fenotipi, ovvero le caratteristiche visibili ad occhio nudo, cioè quelle morfologiche. Il paradosso di questa strategia evolutiva, può portare all’estinzione della specie, perché le femmine, possono gradire caratteristiche poco adatte all’ambiente, vulnerabili alla selezione naturale.
        Ti ho fatto questo pappone, per spiegarti quello che realmente si nasconde dietro la frase, le “donne sono selettive”. Se con il processo di Norimberga si pensava definitamente di aver sconfitto certi concetti del neo-darwinismo, che erano gli elementi fondanti dell’eugenetica nazista e non solo, con la nascita di nuove scienze, etologia sociale, umana e psicologia evolutiva, quei concetti sono rientrati dalla finestra. Sarebbe meglio dire la versione divulgativa di queste scienze, che sono state fatte proprie da ambienti conservatori, maschilisti americani. Servono a giustificare lo stato delle cose, con “la donna è selettiva” giustificano tutto. Come ho detto sopra il sesso limitante (selettivo) può essere responsabile del futuro della specie. Questo serve ai sostenitori della donna selettiva, come giustificazione del controllo sulle donne. Perché ritengono che vadano controllate in quanto le uniche responsabili del futuro della specie, lo stesso Darwin, lo sosteneva, riteneva le donne come responsabili di una regressione nella scala evolutiva.
        Le donne sono selettive o no?
        La donna appartiene al genere homo, specie homo sapiens sapiens, ordine primati, classe mammiferi. I pavoni sono uccelli, i fagiani sono uccelli. Ecc…
        Tra i primati, non c’è nessuna specie selettiva, hanno comportamenti intrasessuali e intersessuali monto differenziati all’interno della stessa specie. Non si capisce perché nella specie umana non debba avere comportamenti simile ai propri simili, (primati) ma a quelli degli uccelli, che si trovano in una scala evolutiva più indietro, vicina ai rettili e agli anfibi. O meglio la donna è in una scala evolutiva più indietro, loro no, sono sapiens sapiens.
        Dei gay non se ne parla nemmeno, sono considerati un rischio per la famiglia e la specie intera. La monogamia il discorso ci porterebbe lontano, comunque la specie umana come tutti i primati non è monogama, poi le scelte individuali o sociali sono un’altra cosa, che è quello che ci fa distinguere dagli animali, possiamo scegliere e tramandare le nostre scelte ed esperienze alle generazioni future.
        Molti, come Zorin o Alex, riportano concetti che forse non conoscono nemmeno bene, ma prendono per buone delle verità pseudoscientifiche solo perché sono credibili e utili.

  5. IDA ha detto:

    Ti diranno perché la donna è selettiva, e con questo ti spiegano tutto.
    Certe scienze sono nate per giustificare il dominio, ma soprattutto il dominio maschile. Non ha caso sono molto conosciute in ambienti maschilisti. Non conosciute le scienze, ma la versione divulgativa. Nel comportamento umano, ci sono diverse teorie e ipotesi, ma loro prendono per vere solo quelle che li fa comodo, escludono e ignorano tutte le altre. C’è molta ideologia dietro queste teorie. Queste teorie fanno molta presa perché spiegano e giustificano molti comportamenti maschili e condannano quelli femminili.
    La differenza che si può rilevare , tra i generi, nel comportamento sessuale, è dovuta soprattutto alla cultura e all’educazione. La sessualità femminile, ha sempre fatto paura e questa paura si perde nella notte dei tempi; dall’antico testamento al Malleus Maleficarum fino ad arrivare a noi. Controllare la sessualità, cioè il comportamento, vuol dire controllare la persona, l’individuo che appartiene a quel sesso.
    Prima veniva giustificato con, Dio vuole così. È una legge divina, quindi non puoi discutere sul volere di una divinità. Dio ha creato la donna per uso e consumo dell’uomo. In più la prima donna che ha creato, ha fatto un po di casini, quindi è meglio tenerla sotto controllo.
    Con l’illuminismo, il razionalismo, l’idealismo, il naturalismo ecc questo castello divino crolla. Allora è venuta in soccorso al maschio, la scienza. Anche perché allora la scienza era totalmente maschile, le donne non avevano accesso a tali studi.
    Darwin, avverte; i caratteri atavici allo stato di latenza, che sono presenti nella donna, possono far regredire l’intera specie. Quindi, la donna è una misteriosa entità da tenere a bada con le buone o con le cattive, e soprattutto come un essere inferiore all’uomo, ma che può portare l’intera specie ad una regressione. Karl Vogt, rincara la dose, la donna è più primitiva dell’uomo, perché è più sensuale, più sensibile, più instabile, (isteria) e riprende tutti gli stereotipi medievali quali: minorità, deficienza e imperfezione della donna. A me quello che mi ha sempre fatto ridere nella teoria di Karl Vogt, è la tipica inclinazione alla danza delle donne, come irresistibile richiamo delle specie inferiori. Ora io nella danza sono sempre stata molto imbranata, non so come prenderla, appartengo alla specie superiore?
    Comunque è in questo periodo che la medicina e l’antropologia, creano e determinano le devianze. Della donna naturalmente. Una donna troppo libera sessualmente è ninfomane, l’omosessualità è una devianza, la prostituzione è una devianza, ecc..ecc.. Quindi si rinchiude nuovamente la sessualità femminile in un recinto normativo, in un ordine diseguale del potere come forma di una superiore necessità naturale, morale e divina.

  6. Vale ha detto:

    “(ciao Zorin! Lo dedico a te l’articolo di oggi ♥).”
    😀 😀 😀 sei fantastica!!!

  7. IDA ha detto:

    Occasionale, vuol dire non voluto, non cercato, ma determinato da particolari circostanze favorevoli. E quindi devo dare ragione a Paolo, grandi storie possono nascere anche da rapporti occasionali. Ma in genere si intende una botta e via, e questo è molto limitativo e riduttivo e qui potrebbe avere ragione anche il Pinza. Tuttavia , dal momento che è occasionale, le occasioni vanno prese al volo, come ci insegnano i cacciatori, alla selvaggina di passaggio bisogna giocare sull’anticipo. Se uno o una si fa troppe domande, l’occasione emigra verso altri lidi. E qui diventa soggettivo, io preferisco farmi domande prima a rischiare di perdere l’occasione, altri/e preferiscono prendere l’occasione al volo e farsi le domande dopo.
    Nel commento di Zorin, il sesso occasionale ha ancora un altro significato. Non è una scelta, ma un’imposizione biologica, dove è racchiuso nella sessualità maschile, distinta da quella femminile. Stabilire una divisione nella sessualità umana, serve a stabilire una gerarchia e la sessualità maschile naturalmente è quella che primeggia. Non a caso si parlava di prostituzione, una sessualità maschile fatta di diritti, contrapposta ad una sessualità femminile fatta di doveri. Stessi concetti, in altre forme sono espressi anche da un altro commentatore sul solito articolo, cioè “men” In cui è ben chiara una visone androcentrica in cui la donna serve solo a soddisfare i bisogni del maschio, non le viene riconosciuta una propria sessualità, ma una sessualità subalterna, di servizio.
    Il commento di “guardare la gente con disprezzo” in alto, ( non so da dove è stato presa, penso da twitter.)
    Non fa altro che riproporre lo stesso modello, presentato da zorin e men, ed esprime un comune sentire tra uomini e donne, mi sembra di capire che quel commento è postato da una donna. Perché siamo talmente immersi che ai più appare condivisibile e naturale, tutta la nostra educazione è basata sulla diversità di genere. Diversità che non vuol dire in questo caso, ricchezza ma subordinazione, perché non è una diversità propria di tutti l’individui al di la del sesso, ma di una categoria di un genere. Si sostiene che la donna, dal momento che ha organi genitali morfologicamente differenti da quelli di un uomo, automaticamente deve avere anche comportamenti differenti. Non si è mai capito perché….. Se i comportamenti sono simili: O è troia o è disperata. Anche perché è sempre stato considerato l’identità femminile molto lontana da quella maschile e i concetti di mascolinità come necessariamente all’opposto di quelli femminili. Un uomo con caratteristiche femminili è considerato meno uomo. Una donna con caratteristiche maschili, è considerata inquietante e pericolosa, ma non meno donna. La donna ha avuto sempre caratteristiche fortemente ambivalenti: purezza, pudore, innocenza, sottomissione all’uomo sono le qualità della donna angelicata e giusta; ribelli, decise e indipendenti , sono il male, sono pericolose, isteriche o pazze scatenate, che è il termine che ha usato zorin proprio in quel commento. Penso che negli ultimi anni si sia fatto enormi passi indietro e che ci resta ancora molta strada da fare, soprattutto sulla sessualità, in cui se ne fa un gran parlare di libertà sessuale, ma la sessualità femminile oggi come ieri, non gode di nessuna libertà. La libertà femminile, oggi è libera solo quando risponde ai desideri del maschio; pornografia, prostituzione , qui tutti paladini in difesa delle libertà sessuale delle donne. Strano!
    Scusate mi sono dilungata troppo.

  8. Blossom ha detto:

    Le donne sono interessatissime al sesso occasionale, finché non arriva quello che le frega.
    E son d’accordo su Ida sulla scarsa libertà sessuale odierna, i 90 erano altra cosa.
    PSSS. Ero passata per vedere qualche post nuovo e se ce ne fosse uno su questo: http://sexes.blogs.liberation.fr/2015/09/30/pourquoi-les-prostituees-sont-elles-stigmatisees/
    perché tramite il BUC ho letto il buongiorno di Gramellini ed essendo lui notoriamente una fetecchia sessista son rimasta perplessa dalla lettura.

  9. Nato Invisibile ha detto:

    R
    Azzardo un parallelismo fra il sesso e lo sport: tutte le federazioni sportive del nostro Paese che sono legate al Coni hanno finito per escludere le ragazze dall’area del professionismo: le atlete non hanno trattamento pensionistico, mutua, trattamento di fine rapporto, maternità. Nulla di nulla. Tra tutti, solo per la box si considera anche le donne atlete a tutti gli effetti, in mancanza di precisazioni del Coni. http://www.lastampa.it/2015/04/17/societa/lultima-meta-delle-donne-farsi-riconoscere-dal-coni-come-professioniste-b3JM9kRugG1WUjWNVZaLOJ/pagina.html

    Vai a vedere che il testosterone sia complice della maggiore propensione dei maschi di praticare ginnastica sia dentro le coperte che fuori? Le donne hanno la stessa attrezzatura necessaria per praticare l’attività fisica tanto occasionale (mi riferisco al sesso) quanto agonistica (sportiva), e se adeguatamente supportate vincono, stravincono, ed eccellono. I maschi vanno sul sicuro, la società è improntata a soddisfare i loro bisogni sessuali ludici e persino ad incentivarli, a spronarli. Lo stesso accade nel mondo della competizione sportiva. Vogliamo ancora dire che questo accade perché misteriosi e nascosti processi ormonali li spingono a dover spargere il loro seme con molteplici partner ad un ritmo molto più elevato delle femmine? Mmmh.. E con lo stesso principio, vogliamo dire che i maschi sono più agonisti e competitivi e vincono più delle femmine!? Mmmhh.. Sento puzza di paraculismo… Bah!

  10. Pingback: senza trucco e senza inganno (per una rivoluzione sessuale femminista) | SUD DE-GENERE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...