Madri e bambini ridotti al silenzio

Una traduzione da Are mothers and children being silenced in the Family Court?, di Freda Briggs

freda-briggs

Il 28-29 Giugno il Weekend Australian ha pubblicato un lungo articolo della sessuologa Bettina Arndt. L’articolo era intitolato “Weapons of divorce wars are cruelling men’s chances of happiness with someone else” e sosteneva che le donne presentano false accuse di violenza domestica nei tribunali per danneggiare i loro ex partner. L’articolo simpatizzava con gli accusati di abusi sui minori e violenza domestica, perché svantaggiati nella ricerca di nuovi partner.

Chi lavora nei rifugi per le vittime di violenza domestica potrebbe ribattere che le donne dovrebbero controllare più attentamente le storie precedenti degli uomini prima di diventare loro partner sessuali, data la frequenza con cui si presentano a chiedere aiuto le seconde e terze mogli di anziani uomini violenti. Quando la donna è asiatica (molte lo sono) e ha un bambino, può trovarsi in una situazione difficile se non ha la cittadinanza australiana. Infatti non può avere diritto a prestazioni dell’assistenza sociale e, allo stesso tempo, potrebbe non esserle consentito di tornare al suo paese d’origine, se il padre si rifiuta di concedere il permesso che il bambino lasci il paese. Mentre le donne sono supportati dalle chiese locali, chi lavora nei rifugi si lamenta del fatto che l’aggressore può andare all’estero e riportare una nuova moglie ogni due anni.

Come la mia collega, la dottoressa Elspeth McInnes ha scritto, l’affermazione di Bettina Arndt che le donne inventino le accuse di violenza domestica riflette uno scetticismo pericoloso che è all’origine degli omicidi che avvengono in ambito domestico, le cui vittime hanno cercato senza successo di ottenere protezione dal sistema penale e dal tribunale della famiglia. I dati ci mostrano un quadro della situazione molto diverso da quello che dipinge le donne inclini ad inventare accuse di violenza, piuttosto solo una minoranza di vittime sporge denuncia, a causa dello stigma che pesa su chi parla. La premessa che le vittime inventano le accuse di violenza è mortale perché protegge colpevoli . La Dr. McInnes si riferisce ai casi recenti nei quali donne e bambini sono stati uccisi dopo che invano avevano cercato di aiuto da parte della polizia.

La ricerca ha dimostrato che un terzo dei bambini australiani e neozelandesi è testimone delle violenze fisiche inflitte alle loro madri e una donna australiana a settimana è assassinata dal suo partner.

Arndt poi cita una dichiarazione del giudice David Collier, pubblicata sul Sydney Morning Herald e rilasciata – a quanto riportato – prima di ritirarsi: secondo il giudice i casi di abusi sessuali su bambini sarebbero spesso “armi orribili” nelle mani di madri bugiarde, invenzioni per escludere il padre dalla la vita del bambino.

Come fa David Collier a sapere che le madri mentivano? Hanno confessano o la sua è una personale opinione?

O è stato influenzato da un consulente, uno psichiatra o un Independent Children’s Lawyer non qualificato per occuparsi di abusi sui minori?

Questi testimoni esperti” hanno suggerito al giudice che le madri che credono a quel figlio che racconta di essere stato abusato sono genitori pericolosi perché abusano emotivamente dei bambini credendo alla loro storia?

Hanno accusato le madri di allenare il bambino a mentire, e poi raccomandato che ai genitori accusati di abusi debba essere concesso l’affido, mentre alle madri solo visite occasionali e per di più sotto sorveglianza?

E’ importante ricordare che “indimostrato” non vuol dire che non sia successo. Potrebbe significare che i servizi statali preposti alla protezione dell’infanzia non abbiano valutato le testimonianze sapendo che il caso era in tribunale o già esisteva un ordine della corte. Il problema è che il tribunale dei minori non è stato creato, né ha le risorse per indagare le accuse di abusi sui minori e i dati forniti da Freedom Of Information (FOI) hanno mostrato che quando la SA court ha chiesto l’assistenza dei servizi dello Stato, l‘aiuto è stato rifiutato circa 40 volte ogni anno.

CEO e anche ministri dei servizi di tutela dei minori hanno più volte espresso la convinzione che la polizia di stato e i servizi di protezione dell’infanzia non sono autorizzati ad indagare i casi di abusi sui minori, se c’è un tribunale dei minori coinvolto, a meno che non “si tratti di una questione di vita o di morte“. Anche quando un bambino del South Australia era rimasto solo a prendersi cura di un padre condannato 2 volte per reati sessuali su minori e violenza che stava morendo di AIDS, il dipartimento ha dichiarato che non poteva intervenire. I Children’s Commissioners affermano che questa diffusa convinzione sia falsa.

“Indimostrato” potrebbe significare che l’aggressore ha minacciato il minore per ridurlo al silenzio e questi aveva troppo paura per rivelare tutto a completi estranei. Potrebbe anche significare che il genitore accusato aveva la custodia del bambino ed è stato proprio lui ad accompagnare il bambino alla valutazione.

I pedofili sono maestri nella manipolazione. Non solo raggirano i bambini, ma anche tutti coloro che sono responsabili della sicurezza del bambino. Che la madre finisca con l’essere etichettata come pazza o crudele potrebbe essere il risultato dell’opera di seduzione dell’abusante nei confronti  della polizia, degli assistenti sociali e persino del giudice.

Conosco madri che hanno pagato fino a 1 milione di parcella per l’avvocato e hanno ricevuto fatture per 37 mila dollari per una consulenza da uno psichiatra del Royal Australian and New Zealand College of Psychiatrists. Alcune donne hanno perso la casa e hanno dovuto dichiarare il fallimento a causa di ciò che hanno cercato di fare (invano) per proteggere i loro figli. Avrebbero sofferto tanto semplicemente per fare un dispetto ai loro ex?

Il giorno dopo la pubblicazione della dichiarazione di David Collier, che suggeriva che alcune madri mentono in tribunale, the Australian newspaper ha pubblicato la notizia del massiccio aumento dei casi di abusi sessuali su minori in WA. Il professor Stephen Smallbone ha confermato che la maggior parte dei casi si verificano in famiglia. Descrivendo gli aguzzini come mostri, il commissario di polizia ha dichiarato al Sydney Morning Herald che vi era stato un aumento enorme e inaccettabile di abusi su bambini molto piccoli in NSW. Vengono scelti molto piccoli perché gli abusanti si sentono al sicuro nei processi quando le vittime non hanno la maturità necessaria e capacità di comunicazione abbastanza sofisticate da sottoporsi a un rigoroso esame incrociato in un tribunale penale. E, le statistiche dimostrano che, se i padri chiedono l’affido del minore al tribunale dei minori, molto probabilmente lo otterranno. Le probabilità sono così alte che gli avvocati e i Women’s Legal Services suggeriscono alle madri di non parlare degli abusi sui minori o di violenza domestica al tribunale dei minori.

Quindi, si tratta di un problema grave: mentre a scuola si insegna ai bambini a denunciare i comportamenti sessuali inappropriati da parte di qualcuno di cui si fidano, se raccontano degli abusi sessuali perpetrati dai loro padri, e un tribunale dei minori è coinvolto, c’è la possibilità che essi saranno inviati a vivere con i loro presunti abusatori, mentre le loro madri potranno avere con loro solo occasionali contatti sorvegliati, con il divieto di cercare di prestare loro cure mediche, di presentare ulteriori prove di abusi e persino di parlarne. Gli effetti psicologici sul bambino possiamo solo immaginarli.

Tutto questo ci lascia con una domanda: “Chi protegge i bambini dall’incesto?

 

Per approfondire:

La legge sull’affidamento danese è una trappola dalla quale è impossibile liberarsi

C’è del sessismo in Danimarca

Il diritto di visita del genitore abusante

Se si tutela la madre, si tutela anche il figlio

Traumi infantili, salute e violenza domestica

Advertisements

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in affido e alienazione genitoriale, giustizia, interculturalità, riflessioni, società e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Madri e bambini ridotti al silenzio

  1. primavera ha detto:

    E ci riteniamo persone civili,moderne,evolute?
    A che pro si farebbe questo se non per interesse di qualche potente o per denaro ?
    Se il padre di mio figlio fosse stato una brava persona e mio figlio felice di frequentarlo a quest’ora invece di dare 50.000€ in due anni tra avvocati ed esperti vari che per giunta mi hanno accusata di Pas,me ne starei in vacanza alle Maldive con mio figlio..invece non potrò mai più permettermelo perché la persecuzione di certa gentaglia non finisce qui e mio figlio DEVO tutelarlo anche se sono sul lastrico quasi..
    una vita di sacrifici e di lavoro di un’intera famiglia spesi per difenderci nonostante fossimo vittime e non si sa nemmeno che fine faremo e che fine farà un piccolo di nemmeno 5 anni!
    Dicono che la ruota giri prima o poi…speriamo non sarà troppo tardi!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...