Sottoponi il tuo caso a The Women’s Coalition

 the womens coalition

Dalla pagina facebook di The Women’s Coalition

 

CHIAMATA a tutte le donne alle quali sono stati a torto sottratti i figli.

The Women’s Coalition sta denunciando una violazione dei diritti umani all’ONU: ha bisogno della vostra partecipazione.

Unisciti alla Coalizione delle Donne e Safe Kids International nel fare una richiesta alle Nazioni Unite affinché riconosca la sistematica violazione dei diritti umani e civili delle donne coinvolte in una separazione o divorzio. Le donne vengono falsamente accusate di mentire / alienare i figli o di essere malate mentali e bambini vengono loro sottratti e affidati a padri abusanti.

Chiediamo il riconoscimento del problema e un’azione in merito.

Se i vostri figli vi sono stati sottratti, si prega di inviare un modulo, o almeno il vostro nome, per contribuire a questo documento che denuncia la violezione dei vostri diritti umani. Questa è una forma importante di attivismo per aiutare a porre fine al massacro.

INVIA IL TUO CASO entro il 31 luglio (prima è meglio) per essere presa in considerazione quest’anno: il termine per la presentazione delle Nazioni Unite è il 1 ° agosto.

Fa una delle due cose: 1) Compila un modulo, operazione che richiede circa 15 minuti (meglio) o 2) Invia il tuo nome che richiede solo pochi secondi (meglio di niente).

1. compila un modulo facilmente reperibile:

A. scarica uno di questi modelli e aprilo in Word:

1. breve: http://bit.ly/1OyrLI1 (compilare la terza pagina è facoltativo)
2. completo: http://bit.ly/1Jzkgw4 (allegare la documentazione)

B. abilitate la modifica e compilate il modulo.

Invia una e-mail a: TheWomensCoalitionPAC@gmail.com

Oppure:

2. INVIA IL TUO NOME per essere inserita in un elenco delle donne i cui diritti umani sono stati violati e i bambini sottratti.

L’elenco sarà presentato alle Nazioni Unite:
invia una EMAIL a TheWomensCoalitionPAC@gmail.com nella quale va scrittonome per petizione delle Nazioni Unite(name for UN petition) nella riga dell’oggetto.

È inoltre possibile inviare una tua foto (con o senza i vostri figli) e / o un breve video (meno di 3 minuti) nel quale racconti come sono stati presi i tuoi bambini. Posta sulla pagina dell’evento FB:

Unitevi e condividete questo evento!
https://www.facebook.com/events/1457769387857620/

E’ anche possibile firmare la petizione dedicata:

Recognize Women’s Rights Crisis

C’è una violazione dei diritti umani delle donne che la maggior parte delle persone non conosce ancora. Abbiamo bisogno del vostro aiuto affinché sia ufficialmente riconosciuta e le donne riescano a fermarla.

Sempre più donne stanno perdendo i loro figli a causa di padri violenti e abusanti a seguito di una separazione o un divorzio, dopo battaglie che devastano donne e bambini. I sistemi in vigore sono discriminatori e opprimenti, poiché mirano a mantenere lo status quo: si tutelano i diritti del padre, indipendentemente da che tipo di padre sia, e questo gli permette di punire e torturare la donna attraverso i bambini quando questa si sottrae al suo diretto controllo. Giudici, funzionari e professionisti stanno permettendo che i diritti umani e civili delle donne vengano impunemente violati.

Le donne perdono tutto lottando invano per anni e anni nel tentativo di difendere i loro figli. Tante donne e bambini feriti gravemente da queste situazioni sono un enorme costo per la società nel suo complesso. Quando le donne avranno il potere di curare e proteggere i loro figli, la società sarà un luogo più sano e migliore.

Una richiesta viene presentata alle Nazioni Unite da parte della Coalizione delle Donne per per mezzo di UN Women con i nomi, i volti, i racconti e i video delle donne che hanno avuto i loro figli sottratti per aver osato sfidare lo status quo. Si prega di dare la priorità alla lotta a questa forma dilagante di discriminazione e di oppressione.

Grazie

Alcuni esempi dei casi di cui si parla:

Bambini in cella

Un appello per Sascha

Alanna

Rebecca

Jennifer

L’appello di Damon

Errori che costano … la vita

Critica della ragion persa

Lettera aperta ai giudici. Ginevra Amerighi

Ginevra Amerighi e la battaglia per riavere la sua bambina

Il dramma di Ginevra coraggio

Annunci

Informazioni su il ricciocorno schiattoso

Il ricciocorno schiattoso si dice sia stato avvistato in Svezia da persone assolutamente inattendibili, ma nonostante ciò non è famoso come Nessie.
Questa voce è stata pubblicata in affido e alienazione genitoriale, attualità, giustizia, notizie, società e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Sottoponi il tuo caso a The Women’s Coalition

  1. primavera ha detto:

    Ho firmato la petizione. Mio figlio è ancora a casa. È tuttavia a rischio prelevamento e affidamento al padre. Non so se posso inviare il mio nominativo..
    comunque finalmente ci siamo svegliate almeno all’estero qualcosa si muove!!!

    • Io credo che si possa considerare anche l’affido ai servizi sociali del minore una violazione dei diritti del genitore, quando la decisione è motivata dall’espressione “conflitto genitoriale”, usata per celare la denuncia di maltrattamenti e abusi.

  2. primavera ha detto:

    Ho letto tutti i link che hai messo e leggevo la storia della povera ginevra amerighi, che peraltro conoscevo,nella sua lettera ai giudici.
    le persone che hanno distrutto lei e sua figlia sono le stesse che hanno distrutto me e il mio bambino. Ma possibile?? Stessa ctu,stessa incaricata di fare i test. Queste tizie non sono solo al tribunale dei minori ma perfino al tribunale ordinario a far danni incalcolabili. Un gruppo di potentissime. Ma come si fermano???? Eppure siamo tante ad essere state rovinate da queste delinquenti. La amerighi non ha più visto sua figlia e il mio rischia la casa famiglia. E la federica puma? Anche x lei stessa ctu.E chissà quante altre…Possibile che siamo tutte visionarie? O più di un indizio costituisce una prova? Vanno fermate!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...